Dimenticatevi i “Compro oro”, è ormai arrivato il turno dei “Compro euro”. In cambio di cosa? Ma di bitcoin naturalmente, la criptovaluta più famosa al mondo. L’idea è venuta a Inbitcoin, azienda trentina che sviluppa prodotti e servizi basati sulla moneta digitale ideata da Satoshi Nakamoto. La società ha deciso di aprire a Rovereto il primo negozio fisico (via Rialto 21) che permette di acquistare bitcoin in cambio di euro. Una versione aggiornata dei classici, e spesso loschi, “Compro oro” dove è possibile portare oggetti preziosi e ricevere moneta sonante. Inbitcoin non è nuova a questo genere di sperimentazioni, in quanto ideatrice di particolari bancomat che consentono agli utenti di ricaricare il proprio wallet di criptovaluta inserendo nella fessura banconote al posto della carta di debito. I bancomat sono stati installati in diverse zone di Rovereto.

Con questo nuovo progetto la provincia di Trento, e in particolare la città della quercia, si conferma sempre più come “bitcoin valley” italiana, con diverse iniziative sperimentali portate avanti da un buon numero di startup locali. Per ora, entrando nel negozio di via Rialto 21 è possibile acquistare un controvalore in bitcoin per un massimo di 100 euro, portando con sé un documento d’identità valido per confermare l’operazione.

Secondo Marco Amadori di inbitcoin il “Compro euro” di Rovereto potrebbe essere il primo store di una lunga serie, che potrebbe anche fare proseliti nel resto d’Europa. Il negozio trentino, inoltre, fornisce ai propri clienti informazioni aggiuntive sul mondo delle criptovalute, proponendo anche servizi di consulenza. Un’attività spesso necessaria, considerando che per maneggiare bitcoin (ma tutte le monete digitali in generale) servono competenze e un livello minimo di accortezza. Il rischio di perdere somme ingenti di denaro, infatti, è molto alto.