Adobe ha aggiornato la suite Creative Cloud. Il “June Update”, così si chiama, è da considerarsi molto importante, perché porta miglioramenti e nuove funzionalità in diverse applicazioni: da Photoshop a Lightroom, da Illustrator a InDesign, fino a Spark e XD. Una delle novità di Photoshop, forse la più significativa, è quella che riguarda il miglioramento della funzione “Seleziona soggetto”, che ha il suo peso soprattutto quando si tratta di scontornare i volti e i capelli, specialmente se sono lunghi, folti e mossi. Grazie a questo “potenziamento”, che si basa su l’AI di Sensei e consente di discriminare il soggetto, riconoscendo un volto, lo scontorno è diventato molto più semplice e con eccellenti risultati.

Altre nuove funzionalità di Photoshop includono l'attivazione automatica di Adobe Font, quando si apre un documento Photoshop che utilizza caratteri non ancora installati sul proprio computer, e un aggiornamento allo strumento “Trova font simile”, in grado di trovare il font più somigliante a quello, per esempio, di una fotografia. Se si usano Photoshop e Lightroom su iPad, è bene sapere che sono ora più strettamente integrati: si può passare foto da una all'altra app in maniera simile a quanto si fa sulle applicazioni desktop.

Adobe Illustrator si unisce a Photoshop e XD nell’introduzione dei documenti cloud. Il salvataggio è rapido e automatico e i documenti sono facilmente accessibili dalla schermata Home; oggi è possibile tenere tracciare, etichettare e ripristinare le versioni precedenti direttamente nel programma.

Quando si tratta di raccogliere cicli di feedback e approvazioni su layout e progetti, avere a che fare con più strumenti e flussi di lavoro frammentati può ostacolare pesantemente produttività e creatività. Ecco perché InDesign introduce la nuova funzione Condividi per revisione, progettata per creare un processo di revisione collaborativa più rapido e senza soluzione di continuità. Questa funzione permette di condividere i progetti con i revisori tramite un collegamento web: possono così rivedere e aggiungere commenti online senza dover scaricare file o software. Dato che i commenti sono visualizzati nel programma, si possono incorporare tutte le modifiche necessarie senza uscire dall’app.

La società ha anche annunciato alcune delle prossime funzionalità basate su Sensei per Premiere Pro, After Effects e Premiere Rush. La più importante è l'inclusione di contenuti audio nella finestra di Adobe Stock. Questo permette all'utente di selezionare tracce musicali ed effetti sonori direttamente dall'interno di Premiere Pro, filtrando la library secondo diversi parametri e, quindi, provare direttamente il risultato provando tracce alternative senza watermark audio, prima ancora di ottenerle in licenza. Nuova funzione anche per Lightroom, che consente di correggere selettivamente una tinta, operando su un set di colori simili.

Il June Update prevede novità per quasi tutte le altre applicazioni, anche se la maggior parte è incentrata sui miglioramenti del flusso di lavoro e sull'aggiunta di funzioni relativamente minori. Se si è abbonati alla Creative Cloud, si avrà accesso automaticamente a queste nuove funzionalità una volta installati gli ultimi aggiornamenti.