Anche in un mondo sempre proiettato verso il futuro come quello dell’ICT, a volte è lecito voltarsi indietro per ricordare alcune tappe importanti dell’evoluzione del computing: Alcatel-Lucent lo fa, domani nella sede dei suoi Bell Labs nel New Jersey, con una giornata dedicata a Dennis Ritchie, il co-inventore (insieme a Ken Thompson) nel 1969 del sistema operativo Unix e del linguaggio di programmazione C.

Dennis Ritchie (in piedi) al lavoro nei Bell Labs


Fra dibattiti e testimonianze di ex colleghi di Ritche, nel corso della celebrazione (visibile in diretta streaming a questo link) saranno presentati alcuni dei più innovativi progetti di ricerca dei Bell Labs e ci sarà spazio per alcuni relatori d’eccezione, tra cui famigliari del pioniere informatico ma anche Eric Schmidt, executive chairman di Google, che contribuì a sua volta allo sviluppo del software di analisi Lex per Unix.

Così Jeong Kim, presidente dei Bell Labs, ricorda l’inventore, scomparso nell’ottobre del 2011 dopo aver collezionato una serie interminabile di premi e riconoscimenti: “Dennis Ritchie ha significato moltissimo per i Bell Labs. Insieme con Ken Thompson, suo collega per moltissimi anni, ha rivoluzionato il mondo dei computer e la società intera continua oggi a beneficiare dei semi gettati dal lavoro di entrambi. È un privilegio unico poter riconoscere i risultati di tutta una vita conseguiti da Dennis”.

Entrato nel team di cervelli dei Bell Labs nel 1967, soli due anni dopo Ritchie mise a punto insieme a Thompson il sistema Unix e il linguaggio C, mentre in tempi più recenti contribuì alla nascita degli OS Plan 9, rilasciato sul mercato nel 1995, e Inferno, l’anno seguente. Il suo ultimo apporto allo sviluppo di Unix è stato un meccanismo Stream di input/output per la connessione di reti, terminali e processi in modo unificato.

Uno sguardo sul futuro delle tecnologie di networking arriva invece da un annuncio rilasciato da Alcatel-Lucent in questi giorni: la messa a punto di una soluzione basata sulle reti mobili 4G e sullo standard Lte, che permette di presentare su un’unica schermata più flussi video provenienti da differenti luoghi di ripresa. Una possibilità utile a tutti coloro che lavorano nell’ambito del monitoraggio video, gestendo questioni di i ordine pubblico, incendi, terremoti, incidenti stradali, maltempo e altre situazioni di crisi.

First Video Responder
, questo il nome nuova tecnologia, è stata sviluppata da Alcatel-Lucent a partire dall’attività di ricerca su cloud e multimedialità dei Bell Labs, e permette di ottimizzare i flussi trasmissivi riducendo l’impatto del traffico video sull’infrastruttura di rete. E consentendo, dunque, di utilizzare terminali di vario tipo, poiché il formato e la gestione del servizio e dei diversi flussi (per esempio la quantità e il posizionamento delle finestre) sono coordinati a livello centrale.