Sul campo hanno trionfato Rogert Federer e Serena Williams, sugli smarpthone degli appassionati di tennis che hanno seguito Australian Open, invece, hanno spopolato gli analytics. Quelli di Ibm, protagonisti di un'app mobile in cui trovano spazio i minimi dettagli tecnici delle partite, ma anche statistiche di ogni genere e previsioni. Durante il torneo australiano, sulla sua piattaforma Slam Tracker Big Blue ha raccolto e processato in tempo reale dati sui punteggi, sulle velocità raggiunte dalla pallina gialla, sugli errori, e così via. Grazie al potere predittivo degli analytics, ci si è spinti oltre: a prevedere la probabilità di una vittoria o sconfitta.

Nell'edizione del 2016 degli Asutralian Open, oltre 2 milioni di visitatori unici si erano collegati al sito ufficiale della manifestazione, spesso per andare alla ricerca di statistiche. Da qui è nata l'idea di integrare SlamTracker all'interno dell'applicazione mobile degli Australian Open, la quale ha potuto mostrare risultati aggiornati in tempo reale e azzardare previsioni sulle prestazioni dei tennisti nei momenti cruciali di una partita, ad esempio un tie break, sulla base dello stile di gioco e dei dati storici.

Offrendo gli analytics di SlamTracker nell’app, progettata specificamente per la fruizione da mobile, abbiamo garantito a tutti i fan, sia che si trovassero allo stadio, in viaggio su un tram a Melbourne o stessero guardando il torneo dall’altra parte del mondo, la possibilità di ricevere informazioni aggiornate in tempo reale”, ha commentato Primoz Trcek, Cio di Tennis Australia.

Un'altra collaborazione fra tecnologia e sport scenderà in campo – quello del rugby – proprio in questi giorni. Come già nelle precedenti cinque edizioni, anche quest'anno il torneo RBS 6 Nazioni ha scelto Accenture come proprio partner tecnologico, ma con una novità: l'utilizzo dell'intelligenza artificiale per scopi di analisi dei dati e di previsione su giocatori, partite e andamento del torneo. Anche in questo caso si parte dai dati grezzi, che vengono analizzati e resi facilmente consultabili in forma visuale. La componente umana non è esclusa dal gioco, poiché le informaizoni elaborate tramite machine learning verranno trasmesse a un team di analisti composto da esperti di Accenture e da campioni dello sport (Nick Mallett, ex allenatore delle nazionali di rugby di Italia e Sud Africa, Ben Kay, vincitore della coppa del mondo, e Gordon D’Arcy, leggenda del rugby irlandese). Nell'edizione 2016 del torneo, oltre ventimila tifosi hanno consultato le analisi di Accenture tramite Twitter, mentre l'app RBS 6 Nations Championship è stata scaricata 3,9 milioni di volte.