L’età dell’oro dei tablet è forse già terminata, ma Apple ha ancora in serbo dei progetti per i suoi iPad. Così sostengono, almeno, le fonti confidenziali del Digitimes, secondo cui l’azienda di Cupertino starebbe valutando di proporre nel 2018 una nuova tavoletta da 9,7 pollici, mettendola in vendita a un prezzo non lontano da 259 dollari. La soffiata, come spesso succede, giunge da persone che lavorano nella catena di fornitura di Apple, quindi da aziende che certamente sono a conoscenza delle strategie commerciali della Mela. Si parla comunque, al momento, di possibili progetti e non di certezze.


Sempre a detta della fonte, con il nuovo dispositivo Apple mirerà ad attrarre un bacino di consumatori attenti al prezzo, grazie ai quali potrà scalzare una concorrenza composta da Samsung, Huawei, Lenovo e Amazon e raggiungere l’obiettivo di vendere 10 milioni di tablet in un trimestre. Il periodo in questione dovrebbe essere quello di aprile, maggio e giugno del 2018. Stando alle voci raccolte dal Digitimes, la produzione dei componenti del futuro iPad “low cost” sarà affidata a Compal e a Compeq (aziende che, contattate dai giornalisti, non hanno rilasciato dichiarazioni).


Tornando al presente, in questi giorni i possessori di dispositivi portatili iOS o di computer macOS possono dedicarsi all’aggiornamento software, anche se nel secondo caso solo a patto di essere iscritti al programma beta. Per quanto riguarda il sistema operativo mobile, la novità è il rilascio di iOS 11.2, a circa un mese di distanza dalla precedente major release. La nuova versione può essere installata (tramite le voci di menu Impostazioni>Generale>Aggiornamento software) sugli iPhone 5s e modelli successivi e sugli iPad mini 2, iPad Air e successivi, oltre che sugli iPod touch di sesta generazione.


Oltre alla risoluzione di diversi bug, l’aggiornamento introduce il supporto a Apple Pay Cash, ma per il momento solo negli Stati Uniti. Si tratta di un servizio di pagamento peer-to-peer (simile a Venmo o Square Cash) che consente di inviare e ricevere somme di denaro tramite iMessagge, attingendo a una carta di credito o debito collegata. Il denaro ricevuto confluisce in un portafoglio virtuale e da qui può essere usato per fare acquisti online oppure trasferito su un conto corrente. Altra novità di iOS, riservata però solo ai possessori di iPhone più recenti (iPhone X, 8 e 8 Plus) è il supporto a una tecnologia di ricarica wireless veloce, la quale riduce ulteriormente i tempi di caricamento della batteria.

 


Interesserà sviluppatori e sperimentatori, infine, il rilascio di macOS High Sierra 10.13.2 attraverso il Developer Center o attraverso il sistema di aggiornamento software dell’App Store. Si tratta di una beta inclusiva di alcuni miglioramenti di prestazione e correttivi di bug. Il più significativo è quello che elimina una vulnerabilità che in precedenza permetteva, in teoria, di creare profili utente con privilegi di root su un Mac.