Brutte notizie per Cisco: Amazon Web Services potrebbe iniziare a produrre e vendere router ai propri clienti, offrendo così loro un ecosistema integrato dal cloud alla componente di networking. L’indiscrezione, riportata da The Information e che deve ancora trovare conferme, ha contribuito per ora ad affossare le azioni di Cisco a Wall Street. Nel giro di poche ore l’azienda californiana ha lasciato sul terreno fino al 5 per cento del proprio valore in Borsa, accompagnata da Arista e Juniper (due fra i principali competitor nell’enterprise della società guidata da Chuck Robbins). La paura degli investitori è che Aws, grazie alla sua leadership nel cloud e alla “potenza di fuoco” della casa madre, possa sconquassare il mercato di router e switch, offrendo prodotti a prezzi molto più vantaggiosi rispetto agli altri player. Secondo The Information, gli sconti potrebbero arrivare anche all’80 per cento.

Le appliance sarebbero delle tipiche white-box dotate di hardware generico e software aperto, con connettori integrati direttamente alla nuvola di Amazon Web Services. Un altro dettaglio interessante della presunta novità sarebbe il ruolo di Vmware, che potrebbe mettere a disposizione il layer software incaricato di governare la componente di rete. Le due aziende nel 2016 hanno lanciato un’offerta congiunta di cloud ibrido che, secondo il Coo di Vmware, Sanjay Poonen, sta procedendo a vele spiegate.

Rimanendo nel campo delle pure speculazioni, il fornitore di chip potrebbe essere Broadcom (che ha già Aws nel proprio portfolio clienti), ma il provider cloud potrebbe anche fare affidamento sulle proprie competenze interne tramite Annapurna Labs. La realtà israeliana è stata acquisita da Amazon nel 2015 e sviluppa anche soluzioni Asic personalizzate per la gestione del traffico fisico e virtualizzato.

L’offerta del gigante di Seattle potrebbe essere definita nei prossimi 18 mesi, il che significa Cisco ha ancora un po’ di tempo per capire i reali piani di Aws e delineare una strategia efficace per contrastarli. Secondo Bloomberg, il mercato di router e switch è valutato in circa 14 miliardi di dollari.