Favorevoli o contrarie, le aziende non possono evitare di confrontarsi con il tema caldo di questi mesi, ovvero il cloud computing: a fare il punto della situazione ci provano due report indipendenti tra loro, ma con interessanti punti di sovrapposizione, a firma di NetApp e Symantec.

Cloud adoption, benefits and strategy, l'indagine qualitativa di NetApp, commissionata a IDG Research Service, ha coinvolto 113 responsabili IT americani membri del Cio Forum che attraverso Linkedin hanno risposto a domande circa la strategia cloud adottata dalle proprie aziende. Che il passaggio al cloud stia avvenendo, e con una certa rapidità, è un dato incontrovertibile: l'86% degli intervistati sta implementando o pianificando progetti in tal senso; la maggior parte prevede una crescita degli investimenti aziendali destinati al cloud entro i prossimi 12 mesi.

Il risparmio medio stimato per ciascuna azienda già transitante dalla nuvola è di 346mila dollari: in particolare, il 65% dei responsabili IT ha ottenuto una più veloce distribuzione delle applicazioni,  il 53% ha sostituito o rimosso le infrastrutture legacy e il 52% è stato in grado di introdurre più velocemente nuovi prodotti o servizi.

E proprio la riduzione dei costi è tra i principali fattori che motivano ad adottare il nuovo modello, accanto alla maggiore flessibilità e alla possibilità di rapido provisioning di nuove applicazioni e servizi.

"Così come il consolidamento e la virtualizzazione dell'ambiente server migliorano l'efficienza dell'IT - questo il parere di Antonio Lupo, Marketing  Manager di NetApp per l'Italia - lo storage è l'elemento chiave di ogni infrastruttura cloud e può contribuire al successo di un azienda oppure ostacolarlo, se non viene valutato con attenzione".

È importante, quindi, che l'evoluzione dell'infrastruttura IT sia ben pianificata, possibilmente con un approccio che coinvolga tutti i comparti dell'azienda: e invece solo il 37% degli intervistati dichiara di aver progettato una strategia cloud a livello aziendale, anzichè semplicemnte a livello di business unit o dipartimento.


   Avanti

Continua nella lettura: