Lg continua a credere negli smartphone e per il suo G8, il modello atteso al Mobile World Congress di Barcellona, ha in serbo qualcosa di speciale: i controlli gestuali “aerei”, che non richiedono un contatto tra le dita e lo schermo del dispositivo. Questo si può dedurre dal breve video teaser diffuso dall’azienda a un mese dalla fiera catalana, video in cui una mano cancella delle scritte e sposta un foglio senza doverlo toccare.

Ma soprattutto lo si deduce dalla frase “goodbye touch”, chiarissimo indizio del fatto che Lg stia cercando di puntare su interfacce e modalità di interazione nuove.

I controlli gestuali “aerei” non sono una novità assoluta. Samsung ha già sviluppato una propria tecnologia, chiamandola Air gesture, mentre si vocifera di lavori in corso in casa Apple per un futuro iPhone e mentre Google ha ottenuto l’approvazione della Federal Communications Commission per un sensore che permetterà di controllare gli oggetti a distanza.

Lg proverà dunque a insinuarsi tra le pieghe di un mercato smartphone ormai dominato da pochi nomi e in cui ultimamente non gode di troppa fortuna. Alla società va riconosciuto il coraggio di aver sperimentato concept innovativi come quello “modulare” del G5, proposto due anni fa senza grande successo. Per saperne di più non resta che aspettare il 24 febbraio, il giorno del “save the date” mostrato nel video, precedente all’apertura ufficiale del Mobile World Congress.

Su fronte ufficioso, invece, si segnala anche per l’LG G8 la circolazione di immagini “rubate”, che mostrano il rendering del presunto modello. L’aspetto è simile a quello dell’LG G7, ma al posto della singola fotocamera frontale ci sono due lenti, che si sommano alle due posteriori. Un dirigente di LG ha comunque smentito, tramite Twitter, l’autenticità delle immagini.