Commvault è ancora più vicina agli utilizzatori di Office 365. Il vendor ha ampliato l’offerta di integrazioni aggiuntive per la suite di produttività di Microsoft, allo scopo di aumentare protezione, trasferimento, sicurezza dei dati, e-discovery e conformità. Commvault Data Platform ed Endpoint Protection permettono ai clienti di estendere le policy on-premise a Microsoft 365, Office 365 e Windows 10. Una piattaforma dati comune riduce i rischi e l’instabilità associati all’adozione di soluzioni singole e, insieme all’ecosistema di service provider e system integrator del vendor, le aziende potranno approfittare di un’offerta più ampia, dai costi contenuti e tramite una fornitura affidabile di servizi su una piattaforma multi-tenant integrata con Office 365, Microsoft 365 e Azure.

“Il nostro approccio di vendita tramite partner è allineato alla nostra strategia e all’approccio dei clienti che adottano questa soluzione”, ha spiegato Randy De Meno, chief technologist, Microsoft products and Microsoft partnerships di Commvault, la quale mette a disposizione diversi servizi per proteggere ed effettuare il recovery dei dati a partire dalle applicazioni del colosso di Redmond.

In prima linea c’è anche la piena conformità al Gdpr, il regolamento europeo sulla privacy diventato operativo da pochi giorni. “L’integrazione di Commvault con Office 365 e Microsoft 365 consente un’adozione trasparente e rappresenta un passaggio logico in una collaborazione che ha contribuito a modellare la trasformazione digitale”, ha commentato Mike Ammerlaan, director, Microsoft Office 365 Ecosystem.