Xiaomi Mi 9 SE è a portata di mano. Non solo perché questo modsmartphoneello, dotato di schermo da appena meno di 6 pollici e formato 19,5:9, può essere usato senza scomodare destra e sinistra, ma perché ora è disponibile anche in Italia, in due varianti di colore e in due configurazioni. Si devono spendere circa 350 euro (349,90 euro, per l’esattezza) per disporre di 6 GB di memoria Ram e di 64 GB di spazio d’archiviazione integrato e servono 50 euro in più (399,90 euro) per avere 6 GB di Ram e 128 GB di storage, potendo scegliere in entrambi i casi tra la scocca nera (Piano Black) o quella blu (Ocean Blue). I

 

Mi 9 SE viene definito dal produttore come un telefono compatto, e può dirsi tale in virtù del formato di 19,5:9, grazie al quale lo schermo da 5,97 pollici occupa l’ingombro di un modello classico da 5,1 pollici. Ed è davvero sottile e leggero, occupando appena 7,45 millimetri in spessore e pesando solo 155 grammi.

 

La nuova variante “SE” ha diverse caratteristiche in comune con il Mi 9 già in commercio: dispone di memoria RAM LPDDR4x e UFS 2.1, sul retro presenta una superficie olografica con effetto arcobaleno, vanta una fotocamera da 48 MP con sensore IMX586 di Sony ed è completa di chip Nfc e lettore di impronte digitali (posto sullo schermo frontale). Rispetto al modello precedente, quest’ultimo componente è stato migliorato in modo da velocizzare le operazioni di sblocco del telefono.

 

 

Altra novità è il processore: debutta il Qualcomm Snapdragon 712, più veloce e più efficiente del precedente Snapdragon 710. La nuova piattaforma, frutto di processo costruttivo a 10nm , include una Cpu Kryo 360 (con velocità di clock massima di 2,3 GHz) e una Gpu Adreno 616, componenti che a detta di Xiaomi garantiscono un notevole incremento di prestazioni grafiche e di efficienza energetica rispetto allo Snapdragon 710 (circa il 35% in più). Quanto al comparto fotografico, è da notare la risoluzione 48 megapixel del sensore primario, valore che scende a 12 megapixel in condizioni di scarsa illuminazione, quando per ottenere più luce quattro pixel vengono combinati in uno più grande (da 1,6 micron). Per catturare paesaggi e grandi architetture si può sfruttare un sensore grandangolare da 13 MP che abbraccia fino a 123 gradi di campo visivo, mentre per i dettagli in lontananza c'è un teleobiettivo da 8 MP e per i selfie una fotocamera frontale da 20 MP. Il sistema operativo a bordo è Android 9.0.