Il concetto ormai noto di bring your own device e quello, sempre più citato, di “bring your own application” si fondono nelle aziende più propense a sfruttare i vantaggi della mobility, creando però non pochi grattacapi in materia di sicurezza. BlackBerry ha scelto di agire sui due fronti – quello della protezione dei dispositivi e quello della gestione delle applicazioni – presentando una novità che coniuga entrambe le esigenze: Enterprise Mobility Management è il nome della soluzione cloud multi-piattaforma, che si prende cura sia dei dispositivi aziendali e personali (usati anche per lavorare), sia dei software su di essi installati.



Il primo aspetto interessante è che si tratta di una soluzione supportata da più piattaforme operative, e dunque applicabile non solo ai terminali BlackBerry, ma anche a quelli basati su iOS e Android. Il secondo è che Enterprise Mobility Management offre sia strumenti per la gestione dei dispositivi mobili (il cosiddetto mobile device management, o Mdm) e delle applicazioni mobili (mobile application management, Mam).

Nel primo caso gli amministratori possono utilizzare una console Web per attivare e implementare smartphone BlackBerry, iOS e Android, configurando le impostazioni di sicurezza dei terminali e monitorando la conformità; nel secondo possono costruire un catalogo di applicazioni pubbliche provenienti da App Store, Google Play  e  BlackBerry World  e, quindi, visualizzare la distribuzione e l’utilizzo delle app per tutti gli utenti e i dispositivi. La soluzione, inoltre, è anche accessibile agli utenti finali in modalità self-service: i dipendenti, in caso di problemi, di furto o smarrimento del proprio telefono, possono in autonomia creare o modificare password, bloccare il dispositivo oppure cancellare i dati da remoto, e il tutto senza dover chiamare in causa l’help-desk.

A detta di Stephen Bates, responsabile della Business Unit Enterprise di BlackBerry, la piattaforma di Enterprise Mobility Management è stata creata per adattarsi sia ad ambienti aziendali Byod, sia misti, e per consentire di gestire “BlackBerry, iOS e dispositivi Android nella maniera più conveniente possibile”.

Sull’aspetto della convenienza, BlackBerry sottolinea come la sua nuova soluzione non richieda l’acquisto di alcun hardware né software: gli amministratori devono semplicemente registrarsi online per poter accedere alla console di gestione su Internet per definire gli utenti, registrare i dispositivi, settare i controlli di sicurezza e distribuire le applicazioni. Quanto alla disponibilità, il beta testing di Enterprise Mobility Management  è già in corso; dal mese di novembre, il servizio sarà acquistabile come abbonamento mensile che coprirà sia la licenza, sia il supporto tecnico.