Per il 5G, il giro di boa si collocherà nel 2023: sarà quello l’anno in cui le vendite di smartphone abilitati al traffico dati su reti quinta generazione supereranno quelli con a bordo modem 4G. Così, almeno, pronostica la società di ricerca Canalys, fissando dunque il momento del sorpasso sul precedente standard entro cinque anni dal lancio commerciale del 5G. Nel 2023, a detta dei ricercatori, nel mondo saranno distribuiti circa 800 milioni di smartphone 5G, portando a 1,9 miliardi il conteggio di quelli in circolazione. Un numero che rappresenterà il 51,4% del mercato smartphone dell’anno in questione.

 

A trainare il processo di aggiornamento tecnologico sarà la Cina, patria di quella Huawei che, tra le mille polemiche, si spartisce la leadership del mercato delle infrastrutture di telecomunicazione con Nokia Networks ed Ericsson.  “Gli smartphone 5G”, ha commentato l’analista Nicole Peng, “vedranno una rapida adozione in Cina grazie alla forte strategia tecnologica del governo e alle capacità finanziarie degli operatori. La Cina, inoltre, è anche la patria di molti tra i principali fornitori di apparati 5G e produttori di smartphone, i quali condurranno aggressive politiche di marketing da qui ai prossimi anni”.

 

 

 

Secondo i calcoli di Canalys, risiederanno nel Paese del Dragone il 34% delle utenze 5G attive da qui a cinque anni, mentre il 18,8% sarà negli Stati Uniti. I numeri vanno forse presi con le pinze, considerando le discrepanze fra le stime di una società di ricerca e l’altra. Mesi fa Gartner aveva fatto previsioni un po’ meno ottimistiche, con un conteggio totale di 1,4 miliardi di smartphone 5G nel 2025, quando a suo dire i telefoni con connettività 4G avranno ancora il 60% del mercato.