L’accordo è stato completato: le attività distributive di Edslan, undicesimo Vad italiano, sono ufficialmente parte al 100 per cento di Esprinet. L’operazione è stata portata a termine a due mesi circa dall’annuncio del deal. Grazie all’acquisizione, Esprinet si porta in casa le attività di un’azienda nata nel 1988, con sede principale a Vimercate e otto uffici periferici, per un totale di quasi cento dipendenti e una ventina di agenti e consulenti sul territorio. I principali segmenti in cui Edslan ha operato fino a oggi sono il networking e il cabling, le soluzioni Voip e quelle di comunicazione e collaborazione unificata (Ucc). Tra i principali fornitori compaiono nomi come Hewlett Packard Enterprise, Aruba Networks, Huawei Enterprise, Brocade, Alcatel-Lucent Enterprise e Watchguard.

Esprinet opera in Italia, Spagna e Portogallo, con circa 40mila rivenditori clienti e oltre 600 marchi in portafoglio. Il fatturato realizzato nel 2015, pari a 2,7 miliardi di euro, ha posizionato l’azienda al primo posto in Italia e al quinto in Europa per volume d’affari. Grazie all’acquisizione delle attività distributive di Edslan, il legame di Esprinet con la distribuzione a valore può rafforzarsi ancora di più perché con entrano in gioco anche soluzioni e tecnologie per le infrastrutture It.

Il ramo d’azienda di Edslan oggetto dell’operazione di merging ha servito nel corso del 2015 oltre 2.900 clienti, rappresentati da Var, system integrator, reseller di telefonia e telco, oltre che da installatori e impiantisti. In base ai dati di preconsuntivo nel 2015 le attività acquisite hanno sviluppato un giro d’affari di circa 72,1 milioni di euro, con un Ebitda di 2,2 milioni.