È partito il conto alla rovescia verso la fine del supporto per Windows XP. Dall'8 aprile cesserà la pubblicazione di qualsiasi tipo di patch o fix, comprese le correzioni di sicurezza. Microsoft assicura che stavolta non saranno concesse proroghe dell'ultimo minuto, nonostante la quota di mercato di XP sia ancora del 29 per cento circa.

L'azienda di Redmond ha incaricato i partner a spingere gli utenti di XP verso sistemi di ultima generazione, ma nonostante questo ci sono utenze, soprattutto aziendali, che per una varietà di motivi fra cui compatibilità e costi non si possono o non si vogliono liberare di XP.

Iniziato il conto alla rovescia per Windows XP

L'importante è essere coscienti di quello a cui si va incontro, e Mary Jo Foley ha pubblicato su ZDNet un piccolo riassunto. Sappiate per esempio che l'8 aprile Microsoft terminerà anche il supporto all'antivirus/antimalware Security Essentials per Windows XP. Ci sono comunque alternative gratuite, ma di terze parti.

Sempre l'8 aprile terminerà il supporto per la funzione presente in Windows 7 che consente di eseguire le applicazioni in modalità Windows XP: chi vorrà comunque usare questa funzione d'ora in poi si esporrà a rischi per la sicurezza.

Infine, nonostante Microsoft stia abbandonando XP, chi intende installarlo dovrà comunque registrarlo: una copia illegale resta tale anche se il sistema non è più supportato.

Tag: windows xp