La crema spalmabile a base di cacao e nocciole più famosa al mondo non ce l’ha fatta, ha vinto il torrone. Google ha sciolto le riserve sul nome ufficiale della prossima versione di Android e, dopo aver aperto la decisione anche al Web, ha puntato su Nougat, quello che in Italia è sostanzialmente il mandorlato. Niente da fare quindi per Nutella, che a un certo momento sembrava essere il nome più favorito. Ma, essendo un marchio registrato, avrebbe comportato l’avvio di una partnership con il produttore Ferrero, in modo analogo a quanto fatto con Nestlé per utilizzare Kitkat nella release 4.4 di Android. Big G avrebbe optato per la strada più semplice, scegliendo sempre un dolce, come ormai da tradizione, ma libero da vincoli commerciali.

La nuova versione del sistema operativo mobile più diffuso del mondo dovrebbe arrivare entro la fine dell’estate sui dispositivi della famiglia Nexus, coprodotti da Google insieme a partner manifatturieri. Tra le principali novità di Nougat sono attese la modalità multi-finestra con split screen, aggiornamenti più fluidi e con download automatici in background, una modalità di risparmio dati durante la navigazione e il supporto a Daydream, la piattaforma di realtà virtuale svelata da Big G durante la conferenza I/O di maggio.

La prossima release di Android dovrebbe quindi rappresentare un importante passo avanti dal punto di vista dei contenuti grafici, grazie alla presenza delle Api Vulkan 3D, che daranno agli sviluppatori un maggior controllo sul processore degli smartphone per creare esperienze ancora più coinvolgenti.