Hp Inc amplia la propria offerta Device-as-a-Service (DaaS) con soluzioni Apple. La proposizione del colosso di Pc e stampanti è stata pensata per portare alle aziende tutto quello di cui necessitano per ottimizzare l’efficienza del business, “da hardware e accessori fino a servizi del ciclo di vita e supporto, con un singolo contratto e a un prezzo fisso per dispositivo”. Hp si prende quindi carico dei compiti necessari per mantenere sempre aggiornato il parco macchine di un’impresa, compreso il provisioning dell’hardware e delle soluzioni di sicurezza. Il vendor ha deciso ora di includere anche Apple nel pacchetto perché, a suo dire, i suoi clienti operano in ambienti multipiattaforma e, seppur Hp abbia ottenuto da poco la palma di primo produttore di Pc al mondo, il suo obiettivo è conquistare un posto al sole anche nel mercato presidiato da Cupertino.

Nell’offerta è prevista la fornitura e il supporto di primo livello Hp per iPhone, iPad, Mac e altri device della Mela. L’azienda di Palo Alto ha però incluso del piano DaaS anche le proprie soluzioni per la realtà virtuale, incluse le workstation Z4 a i visori Windows Mixed Reality, oltre ai distributori automatici “Tech Café” che permettono di accedere in qualsiasi momento a dispositivi It, accessori e materiali di consumo.

I piani previsti dall’offerta DaaS di Hp sono tre: standard, enhanced e premium. La variante base prevede desktop, notebook, workstation e un portafoglio di prodotti e accessori in continua espansione; assistenza il giorno lavorativo successivo alla chiamata; analisi e gestione dinamica con inventario di hardware e software e monitoraggio dello stato, dashboard di analisi e report, stato di sicurezza e conformità e risoluzione autonoma da parte dell’utente finale.