Quattro anni di partnership per offrire insieme sul mercato business soluzioni di communication e collaboration basate su architetture cloud pubblico, privato e ibrido. Questo è il contenuto dell'accordo sottoscritto tra HP Enterprise Services (vale a dire la ex EDS, acquisita nel 2008 da HP) e Microsoft.


In pratica, per quanto riguarda il private cloud, le soluzioni Microsoft BPOS (Business Productivity Online Services), e in particolare Exchange Server 2010, SharePoint Server 2010 e Lync Server 2010 saranno erogate in modalità "as a service" dai data center HP, mentre per il cloud pubblico l'accordo prevede l'offerta di Microsoft Office 365.

Nel segmento del cloud ibrido, quello su cui HP punta di più, la stessa HP rivenderà Office 365 come alternativa alla sua offerta HP Enterprise Cloud Services (declinata in Messaging, Collaboration e Real Time Collaboration).

Le soluzioni saranno rilasciate in tutto il mondo e saranno supportate, dal punto di vista tecnico, da team di ingegneri di entrambe le multinazionali. La roadmap prevede la disponibilità immediata negli Stati Uniti, in Canada, in Australia e nel Regno Unito.