La semplificazione burocratica della “macchina pubblica” non è un processo facile, ma oggi è già possibile sfruttare alcuni strumenti, come il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Spid, come meglio noto, permette di accere ai servizi online della Pubblica Amministrazione servendosi di un'unica combinazione di username e password. Si possono, per esempio, inviare e ricevere documenti da enti come Inps, Inail, Agenzia delle Entrate, ma anche dal Comune di residenza, dall'Asl o dall'istituto scolastico dei figli. Per le aziende, a tutto ciò si aggiungono benefici di semplificazione procedurale e di digitalizzazione.

In questo campo Aruba è fresca di novità con un servizio rivolto sia al semplice cittadino, sia alle imprese. Aruba ID, questo il nome, fa parte dell'offerta Aruba Pec e consente di ottenere una “identità Spid” con la quale accedere a tutti i servizi della PA, a fronte di una serie di garanzie di sicurezza. Prima di inviare le credenziali uniche di accesso, infatti, Aruba si accerta dell'identità dell'utente attraverso tre possibili metodi: l'uso di una Tessera Sanitaria precedentemente attivata, l'uso di una Firma Digitale oppure il riconoscimento de visu online attraverso una webcam. I primi due metodi sono gratuiti, il terzo è a pagamento.

Diventa poi possibile impostare un livello di sicurezza, a scelta fra tre. Il primo si basa unicamente sull'inserimento dello username e della parola chiave, mentre il secondo aggiunge a questo metodo l'impiego di una One Time Password (Otp) generata da un token o da un'applicazione mobile; il terzo metodo, disponibile prossimamente, prevede l'utilizzo di un certificato digitale, generato su Smart Card o Hsm, per accedere alle applicazoni di Spid con il livello di sicurezza più elevato.

Aruba Id è gratuito per due anni per i cittadini che ne faranno richiesta entro il 30 giugno 2017, mentre ha una costo di 35 euro per gli utenti business (professionisti e aziende).