A una settimana dall’apertura dei cancelli di Fieramilanocity, Smau presenta il suo menu di dibattiti, workshop e novità dalle aziende dell’ICT attese per questa 49° edizione dell’appuntamento b2b, che da previsioni sarà visitato da circa 50mila fra imprenditori e manager. La parola d’ordine di quest’anno è innovazione: termine certamente già dibattuto ma sempre carico di nuove valenze, specie dopo l’approvazione dell’Agenda Digitale e con i cambiamenti in arrivo per chi avvia una start up nel nostro Paese.


Per spiegare il concetto l’amministratore delegato di Smau, Pierantonio Macola, ha scelto una metafora sportiva: “Smau è oggi in grado di proporre un programma di allenamento per rendere i nostri visitatori professionali dei campioni di innovazione, che prevede la partecipazione dei migliori trainer sul mercato, il rispetto di una dieta equilibrata fatta di formazione e aggiornamento professionale e, non ultimo, il contatto diretto e la condivisione di esperienze con i campioni in carica. Perché nel business, come nello sport, il talento è virale.”

“Smau – ha dichiarato Andrea Gibelli, vice presidente e assessore all’Industria e Artigianato della Regione Lombardia – rappresenta da sempre il punto di riferimento mondiale per tutte le imprese che fanno innovazione. E l’innovazione tecnologica è una sfida decisiva che Regione Lombardia vuole assolutamente vincere, convinta com’è dell’importanza delle 800mila imprese presenti sul territorio lombardo: il vero motore economico del Nord”.

“Proprio con il contributo attivo di Smau - ha proseguito Gibelli - stiamo studiando la possibilità di introdurre una piattaforma di relazione e condivisione delle informazioni, che abbiamo chiamato WikiRegione. Inoltre, sulla scia del grande successo del bando dell’anno scorso in ricerca e innovazione, nei prossimi mesi si aggiungeranno nuovi strumenti innovativi ancora in fase di elaborazione, dedicati alle start up tecnologiche”.

Dal 17 al 19 ottobre i padiglioni 1 e 2 della fiera cittadina di Milano accoglieranno grandi player dell’ICT come APC, Cisco, Dell, Epson, Fujitsu, Google Enterprise, IBM, HP, Intel, Microsoft, Olivetti, Oracle, SAP, Telecom Italia, Vodafone, Xerox e Zucchetti, accompagnati dai relativi partner.  Presenti all’appello anche rappresentanti delle istituzioni (la Provincia Autonoma di Trento, e le Regiono Campania, Friuli, Lombardia, Puglia, Toscana, Sardegna e Veneto), le scuole di formazione manageriale School of Management del Politecnico di Milano ed Sda Bocconi School of Management, e una serie di società di consulenza fra cui Gartner.

L’edizione numero 49 della fiera propone infatti circa 600 momenti formativi e informativi brevi, ciascuno della durata massima di 50 minuti, nonché approfondimenti specifici sui temi della Unified Communication & Collaboration, dell’Information Security e della stampa digitale, del Document Management. A questi argomenti Smau e il Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria dedicheranno tre convegni per mettere a confronto l’offerta dei player e la domanda rappresentata dai Presidenti territoriali dell’associazione di viale dell'Astronomia.

Per il secondo anno, inoltre, completa il programma di Smau l’evento Smart City Roadshow, organizzato in collaborazione con Anci e Net Consulting,: un ciclo di laboratori che darà voce ai più innovativi progetti di città vivibili e digitalizzate, portati avanti da amministrazioni locali e aziende.


Per quanto riguarda le novità tecnologiche presentate dalle aziende, il piatto è ricco e composito: quest’anno spiccano le soluzioni di cloud computing e quelle incentrate sulla mobility, come app, tablet e ultrabook. Ma anche i nuovi sistemi gestionali integrati, la business intelligence, i programi di di Crm, le soluzioni di gestione documentale, di Unified Communication and Collaboration, di information security, di fatturazione elettronica e di e-commerce. E non mancheranno, come ormai da tradizione, le idee nuove e avventurose presentate dalle start up dell’area dei Percorsi dell’Innovazione.