L’accesso a servizi e dati in mobilità ha cambiato radicalmente il mercato, al punto che anche le operazioni più sensibili dal punto di vista della sicurezza vengono ormai abitualmente portate a termine su smartphone e tablet. Si pensi ad esempio alla gestione del proprio conto corrente che, grazie alle applicazioni sviluppate dagli istituti finanziari, permettono di fare bonifici con un semplice tocco di dito. Un mobile banking sempre più user friendly rappresenta uno dei settori di investimento più importanti per gli istituti di credito attivi sul fronte della trasformazione digitale. Ma offrire servizi all’avanguardia e app facili da utilizzare non è sufficiente se tutta l’infrastruttura sottostante, quella che garantisce la fruibilità delle piattaforme, non è supportata da tecnologie di ultima generazione. Peter Konings, director products Emea di Verizon Enterprise Solutions, ci parla dell’importanza delle reti nelle strategie di mobile banking.

 

Peter Konings, director products Emea di Verizon Enterprise Solutions

 

Molte istituzioni finanziarie stanno affrontando gli investimenti nelle strategie di mobile banking per mantenere e contemporaneamente attrarre nuovi clienti. Nell’attuale era digitale, gli utenti sono abituati a seguire un approccio incentrato sul massiccio utilizzo degli smartphone nella loro quotidianità e auspicano, anche per le operazioni bancarie, di poter usufruire dei medesimi servizi. Per gli istituti finanziari si tratta di un passaggio necessario per consentire la crescente economia delle app sulla quale contano gli utenti. Piattaforme e applicazioni cloud permettono alle banche di venire incontro alle esigenze del cliente e forniscono solidi servizi tra una moltitudine di dispositivi e location diverse.

Oggi giorno, gli utenti utilizzano appositi applicativi per accedere al proprio conto corrente e richiedere prestiti da remoto. Tuttavia, per consentire al software prestazioni efficienti e assicurare l’engagement, la connessione è fondamentale: deve garantire velocità, sicurezza e affidabilità, necessarie per gestire il crescente volume di dati sensibili quotidianamente raccolti e trasmessi dalle banche.

 

Attivare il banking moderno grazie a una rete potente

 Le reti tradizionali funzionavano bene quando la domanda di mercato delle aziende era meno dinamica, oggi invece il business deve essere flessibile e innovativo. Molto spesso le applicazioni non sono scalabili in modo abbastanza veloce, per questo i cicli di deployment possono diventare lunghi e scomodi. Queste nuove applicazioni in cloud devono essere collocate all’esterno delle reti tradizionali precedentemente utilizzate e richiedono un modello più flessibile. La risposta risiede nelle architetture software-defined networking (Sdn), come le software-defined wide area network (Sd-Wan), che supportano le imprese nella trasformazione delle proprie infrastrutture fisiche in soluzioni virtuali on-demand.

Queste architetture consentono alle banche di creare reti sempre più attive, veloci e flessibili rispetto al passato, essenzialmente rinforzando i loro servizi mobile e cloud e permettendo, quindi, ai clienti di usufruire delle piattaforme senza alcuna interruzione. Se il trasferimento di pagamenti in mobilità è più veloce, il tempo di attesa per le app di pagamento tramite carta di credito è ridotto e sono supportate perfino le nuove applicazioni di realtà aumentata e virtuale, le Sdn permettono anche ai network di regolarsi automaticamente nei momenti di elevato traffico per consentire ai servizi di mobile banking di essere al riparo da problematiche e crash.

Dal momento in cui queste tecnologie sono basate sui software piuttosto che sugli hardware, il network è in grado di regolarsi automaticamente a seconda dei diversi volumi di traffico. Un esempio concreto riguarda l’automatizzazione della capacità di un’infrastruttura bancaria durante i primi cinque giorni del mese, tipiche giornate di picco di traffico dovute al pagamento della rate dei mutui e dei canoni d’affitto, quando il denaro viene normalmente trasferito dai clienti alle istituzioni finanziarie e, infine, ai proprietari degli immobili.

Le reti definite dal software possono, inoltre, supportare in modo più efficiente l’aumento di traffico in una sezione specifica, senza compromettere o ritardare le funzioni di base come l’emissione di un bonifico o l’aggiornamento di account. Anche laddove fosse necessaria una accelerazione del network o una maggiore ampiezza di banda, le aziende non dovranno più attendere il supporto di un tecnico che richiederebbe giorni o settimane.

 

 

Al contrario, lo stesso sistema di automazione intelligente incorporato nel software assegnerà priorità ai servizi più importanti, prevenendo possibili congestioni del traffico e creando un’infrastruttura dinamica e flessibile, che potrà essere costantemente aggiornata e migliorata con gli aggiornamenti software. Riducendo di conseguenza il bisogno di complessi update dell’hardware e consentendo il supporto di applicazioni all’avanguardia.

Questa architettura flessibile, inoltre, permette alle banche di rispondere per tempo alle ultime minacce di malware e di costruire preventivamente elevate misure di sicurezza per proteggere le informazioni sensibili dei propri clienti e le risorse corporate a livello di rete.

 

Integrazione efficace di una trasformazione di rete

Le istituzioni finanziarie, prima di iniziare l’aggiornamento del network tramite Sdn, dovrebbero definire i loro obiettivi e decidere chiaramente quale traguardo raggiungere. Questo consentirà di esprimere efficacemente le richieste ai team It, assicurando un allineamento tra le necessità di business e il supporto informatico. In questo momento è decisivo intraprendere i corretti investimenti nelle infrastrutture, in quanto gli efficienti aggiornamenti software garantiranno una durata maggiore dei network rispetto alle soluzioni basate sull’hardware degli anni o dei decenni scorsi.

Infine, un perimetro solido e flessibile migliora enormemente le funzioni delle tecnologie cloud che supportano i servizi di mobile banking, sui quali dipendenti e clienti fanno affidamento per le proprie esigenze. Investire nella trasformazione digitale delle reti rappresenta un passaggio di fondamentale importanza per sostenere il cambiamento nell’approccio con il cliente. L’inaugurazione della banca di domani comincia con l’applicazione di network appropriati per supportare non solo la tecnologia di oggi ma, soprattutto, le innovative applicazioni che arriveranno in futuro.