Non bastavano i camion e le nuove istanze in cloud, in chiusura della conferenza annuale re:Invent Amazon Web Services ha svelato una nuova collaborazione con Intel per lo sviluppo di soluzioni di smart home. I progetti a cui le due aziende stanno lavorando sono due: il primo riguarda il kit Alexa Skills, le “abilità” che danno forza allo speaker intelligente di Amazon Echo, e verterà sulla possibilità di impartire ordini vocali tramite un hub centralizzato e dotato di tecnologia Intel. Il secondo, invece, è un reference design a cui i prossimi sviluppatori di soluzioni di domotica potranno fare affidamento. Semplificando e velocizzando così tutto il processo.

“Lo scopo è aiutare i produttori di hardware ad accelerare lo sviluppo di dispositivi attivabili con la voce, grazie alla piattaforma di Intel e ad Alexa Voice Services”, ha scritto il colosso dei chip in un blog post. “Il reference design verrà messo a disposizione nel corso del primo trimestre del 2017”. “Con la voce come interfaccia centrale, i clienti hanno un modo più naturale per gestire le centinaia di task quotidiani”, ha sottolineato invece Ted Karczewski, content marketing manager di Amazon.

Durante l’evento re:Invent, Aws ha presentato tra le altre cose anche Rekognition, Polly e Lex per Alexa. I servizi permettono agli sviluppatori di progettare nuove applicazioni che, ad esempio, analizzano le immagini per individuare volti, oggetti e ambienti, oppure che sfruttano il linguaggio naturale per la lettura e la riproduzione dei testi.