Il mercato che comprende i servizi di Mobile Internet e Mobile Content & Apps (sia a pagamento sia advertising based) è tornato a crescere nel 2010 grazie soprattutto alla spinta della connettività dati da telefono cellulare/smartphone (+27%). Questa componente del mercato arriva così a pesare il 48% del mercato rispetto al 32% del 2008.
 
All’interno del mercato Mobile Internet, cresce fortemente la componente dei ricavi derivante dalle tariffe flat (non si tratta in realtà, nella maggior parte dei casi, di vere tariffe Flat, dal momento che in molti casi sono caratterizzate da tetti di utilizzo superati i quali la tariffazione diventa a consumo oppure la velocità di navigazione si riduce in maniera significativa) per effetto principalmente della forte spinta in comunicazione da parte di tutti gli operatori telefonici e dello sforzo nella creazione di tariffe più chiare, trasparenti e semplificate per il consumatore. Crescono però anche i ricavi derivanti dalle tariffe Pay per use, perché sono ancora molti gli utenti che navigano a consumo, senza attivare cioè una tariffa ad hoc, sia tra gli heavy user, sia soprattutto tra gli utenti occasionali.


 Fig.1 Mobile Internet, Content & Apps: le dinamiche di mercato - Fonte: Osservatorio Mobile Internet, Content & Apps - School of Management del Politecnico di Milano

A registrare un trend negativo anche nel 2010 è, invece, la componente relativa ai Mobile Content & Apps a pagamento: -9% (nel 2009 il calo era stato del 20%). Diminuiscono soprattutto i contenuti tradizionali (-13%), ossia servizi di personalizzazione, di informazione e intrattenimento via Sms, chat e dating, giochi java, basati sui canali di pagamento propri delle Telco.


per scaricare il Rapporto con i risultati della Ricerca dell’Osservatorio Mobile Internet, Content & Apps clicca qui


Al contrario crescono i ricavi derivanti dai nuovi canali mobile Internet e Application Store (+113%), ma, nonostante il grande fermento in atto e i numeri elevati in termini di utenti mobile Web e download di applicazioni, i ricavi rimangono ancora limitati. Sarà interessante vedere nei prossimi anni la capacità della filiera di creare un’offerta pay sui nuovi paradigmi realmente a valore per l’utente e il ruolo che le telco riusciranno a ritagliarsi nel mercato dei sistemi di pagamento a supporto dell’offerta erogata tramite Mobile Web e Application Store.

Per vedere il video del Convegno di presentazione dei risultati della Ricerca clicca qui

I ricavi, infine, derivanti dagli investimenti pubblicitari sul media Mobile crescono del 15%, raggiungendo quota 38 milioni di euro. Il peso della componente di aobile advertising sul mercato complessivo rimane, quindi, marginale (3%). Il formato pubblicitario che ha fatto registrare il tasso di crescita più elevato (a 3 cifre) è il Mobile Display Advertising, sia su Applicativi sia su Mobile site esterni al portale dell’Operatore, che partiva però da valori assoluti molto limitati. Sicuramente positivo per lo sviluppo di questo mercato è il sorpasso degli investimenti delle aziende tradizionali su quelli legati al mondo Mobile Content.
 
Si tratta di un mercato fortemente dinamico nel suo complesso, con grandi aspettative per i prossimi anni; tra l’altro, il Mobile si sta rivelando un cantiere di sperimentazione di nuovi modelli di business che riteniamo condizioneranno anche gli altri mercati digitali, abilitati da Pc, nuovi Tablet e Televisioni.
 
 
Marta Valsecchi è Responsabile della Ricerca dell’Osservatorio Mobile Internet, Content & Apps della School of Management del Politecnico di Milano


Ha collaborato Damiano Frosi, Ricercatore dell’ Osservatorio Mobile Internet, Content & Apps della School of Management del Politecnico di Milano