La realtà aumentata arriva in soccorso degli appassionati di bricolage. Amazon ha aggiornato la propria applicazione per iOs, aggiungendovi una curiosa funzionalità, Part Finder: inquadrando con la fotocamera dell’iPhone componenti come viti e bulloni è possibile ottenerne le esatte dimensioni, in modo da reperire poi prodotti analoghi sulla piattaforma di e-commerce. La novità potrebbe quindi rivelarsi estremamente utile nel caso in cui manchino dei pezzi per finire un lavoro. Part Finder sfrutta le capacità “aumentate” della fotocamera dei melafonini per misurare larghezze a lunghezza dell’oggetto, lasciando all’utente il compito di identificare altri aspetti: ad esempio, quando si tratta di una vite, il tipo di filettatura e la sua testa (a stella o piatta). Amazon ha specificato che la funzionalità serve soprattutto per scoprire le specifiche tecniche di componenti come viti, bulloni, dadi e rondelle.

Ovviamente, va valutata anche una certa tolleranza in fase di misurazione. Ma quanto è effettivamente precisa l’applicazione? Secondo la testata 9to5mac, la funzionalità si è comportata “sorprendentemente bene. Ci sono stati un paio di errori nelle prime due acquisizioni di un paio di viti ma, avvicinando l’iPhone o modificando l’angolo, tutto è filato liscio”. L’operazione è stata invece più complessa per The Verge.

“È fondamentale allineare perfettamente il pezzo vicino a una monetina (che serve da confronto, ndr), posizionati su una superficie bianca […]. Mi sono serviti circa dieci tentativi per trovare la giusta angolazione e la distanza corretta perché l’app identificasse correttamente la vite”, ha scritto Shannon Liao. Al momento Part Finder è più un passatempo che un’applicazione solida e utilizzabile quotidianamente nella vita reale.

Ma testimonia la volontà di Amazon di proporre soluzioni in grado di convogliare ulteriormente potenziali consumatori sulla propria piattaforma. La tecnologia alla base della funzionalità deriva dall’acquisizione di Partpic, startup rilevata nel 2016 dal colosso di Seattle. L’applicazione sviluppata dalla società di Jeff Bezos per iOs si è arricchita pochi mesi fa con il supporto ad Arkit, l’Sdk di Apple per creare soluzioni mobile di realtà aumentata.