L’Hdmi 2.1 è realtà. Le specifiche della nuova versione dell’interfaccia audio/video erano state pubblicate a inizio anno dall’Hdmi Forum e ora sono disponibili come standard: questo significa che dal 2018 arriveranno televisori e schermi con delle novità sostanziose. Fra tutte, i nuovi cavi Ultra High Speed Hdmi saranno in grado di gestire una banda passante di 48 Gbps, che consentirà di supportare fra le altre cose filmati in 8K non compressi con Hdr, diminuendo le interferenze con i dispositivi wireless collocati nelle vicinanze. Inoltre, la nuova interfaccia è retrocompatibile e quindi, pur dovendo “trovare spazio” in cavi di nuova produzione, potrà essere utilizzata con tutti i device Hdmi esistenti. Tornando alle specifiche, il formato di prossima generazione supporta video in 4K a 120 Hz e, uscendo dall’ambito consumer, anche i filmati in 10K.

Gli appassionati di videogiochi apprezzeranno il Variable Refresh Rate, che riduce o addirittura contribuisce a eliminare i lag, mentre il Quick Frame Transport abbassa la latenza. Ma è presente anche il Quick Media Switching, che mitiga il tempo di attesa con lo schermo nero nel passaggio da un dispositivo all’altro.

 

L'evoluzione delle versioni di Hdmi

 

A livello di suoni, invece, l’Hdmi 2.1 aggiorna l’eArc (Audio Return Channel) per supportare la tecnologia Dolby Atmos. Le prime novità compatibili con la nuova interfaccia dovrebbero essere presentate da colossi come Samsung ed Lg già al Ces di Las Vegas, in programma dal 9 al 12 gennaio. Ovviamente, la piena integrazione di tutte le caratteristiche sarà presente solo sui modelli di fascia alta, mentre per alcune specifiche, come la risoluzione 8K, è probabilmente ancora presto. Ma mai dire mai.