A febbraio 2016 gli italiani che hanno navigato almeno una volta sul Web sono stati 28,5 milioni: i numeri, rilevati come sempre da Audiweb, segnano una diminuzione dello 0,7 per cento rispetto a gennaio (28,7 milioni), ma un aumento dello 0,3 per cento rispetto allo stesso periodo del 2015. Nel giorno medio, l’audience online ha raggiunto 22 milioni di utenti unici, collegati in media per 2 ore e 7 minuti a testa. A febbraio si sono connessi al Web da dispositivo mobile (smartphone e/o tablet) ben 22,4 milioni di persone (oltre il 50 per cento degli italiani tra i 18 e i 74 anni), pari a 18,4 milioni di utenti unici nel giorno medio. Cifre in netta crescita rispetto a un anno fa, quando erano 17,6 milioni gli italiani connessi tramite i device mobili.

La fruizione di Internet da Pc ha registrato un’audience mensile di 25,8 milioni di utenti (il 46,6 per cento degli italiani dai due anni in su, in diminuzione rispetto ai 26,2 milioni di febbraio 2015) e di 12 milioni nel giorno medio (il 21,8 per cento). Dal punto di vista socio-demografico, invece, l’identikit medio del “navigatore” della Penisola era uomo (40,6 per cento contro il 39 per cento delle donne), proveniente dall’Italia nord-occidentale (42 per cento, pari a 5,7 milioni di persone) e di età compresa tra i 18 e i 24 anni (63,9 per cento).

 

 

I giovani sono stati anche quelli connessi per un tempo medio maggiore (due ore e mezza), così come le donne che, con 2 ore e 17 minuti, hanno superato anch’esse la media generale. Gli over 55 connessi (fino ai 74 anni), invece, sono risultati essere il 24,5 per cento del campione. Campione che, secondo indicazioni fornite da Audiweb, è composto da oltre 44mila persone tra i 2 e i 74 anni e che utilizzano computer e dispositivi mobili (Android e iOs) per navigare.