Un automatismo ben congegnato significa ridurre l’intervento umano praticamente a zero, semplificando così la gestione di una soluzione tecnica complessa. La facilità estrema è l’obiettivo che si è posta la cipriota 3cx nello sviluppo di Phone System versione 15, l’ultima release della soluzione software Pbx per la comunicazione unificata. “La v15 è il frutto di dieci anni di esperienza in questo mercato”, ha spiegato Nick Galea, Ceo dell’azienda. Il cuore dell’aggiornamento è la nuova dashboard di gestione, arricchita con comandi intuitivi e centralizzati, che permettono di monitorare tutto da un unico posto, compresi gli alert. La console è completamente personalizzabile, responsive (per essere fruita su dispositivi Android e iOs), ed è possibile aggiungere sfondi, temi e il logo della propria azienda. Ma, scendendo a un livello più tecnico, si scoprono altre novità.

Innanzitutto, da centralino Ip basato su server Web in ambiente Windows, Phone System v15 è stato migrato sulla piattaforma open source Nginx, che sfrutta in misura molto minore le risorse hardware ed è in grado di scalare anche su macchine caratterizzate da potenza di calcolo ridotta. Come sottolineato da Galea, infatti, il nuovo software può essere eseguito anche su miniPc Windows 8 o Windows 10 economici.

Secondo quanto dichiarato da 3cx la configurazione può essere portata a termine in circa 15 minuti e il sistema si aggiorna in automatico, compresi i certificati Ssl, ed è completamente ridondante. A proposito di sicurezza. La società cipriota ha puntato molto su questo aspetto, introducendo nella release funzionalità come l’approvvigionamento telefoni via protocollo Https; la connessione ai client e alla console via secure socket layer; una configurazione più sicura del server Web e il blacklisting di default in caso di attacchi Sip (session initiation protocol).

 

Nick Galea, Ceo di 3cx

 

Inoltre, grazie alla collaborazione con l’autorità certificativa Let’s Encrypt, tutto il traffico trasmesso tra i singoli clienti presenti in azienda e via Sbc (session border controller) è completamente crittografato. Proprio in un’ottica di semplificazione, 3cx ha implementato soluzioni di videoconferenza basate su standard open source (WebRtc) che non necessitano quindi di software, manutenzione aggiuntiva o licenze a pagamento.

Lato integrazioni, l’ultima release di Phone System supporta Office 365, Google Contacts, Microsoft Dynamics, Exact, Sugarcrm, Salesforce, Act!, Zendesk e Freshdesk, grazie anche a un’interfaccia di scripting che facilita l’integrazione con varie soluzioni Crm e piattaforme per i contact centre. Gli script possono essere creati anche per realizzare un sistema di gestione automatizzato delle chiamate in uscita.

I clienti di 3cx possono passare già oggi alla v15 e il gruppo cipriota ha introdotto nuovamente la versione gratuita del centralino. La soluzione free presenta ovviamente alcune limitazioni, come il numero di report generabili e l’utilizzo esclusivo su una sola linea Sip (Sip Trunk). Ma questo vale per un numero massimo di otto telefonate simultanee. Inoltre, è possibile creare videoconferenze clientless (via Web) fino a cinque partecipanti.