Commvault e Lucidworks si stringono la mano per portare l’intelligenza artificiale nella protezione dei dati aziendali. Una convergenza di vedute e tecnologie che, secondo i vendor, accelererà l’individuazione di informazioni cruciali nel perimetro dell’impresa, allo scopo di intervenire con le azioni più appropriate: dalla mitigazione di eventuali rischi alla governance. L’integrazione con le funzionalità di ricerca e machine learning sviluppate da Lucidworks permetterà ai clienti di Commvault di realizzare attività di discovery e analisi dei contenuti critici su fonti di dati non strutturate o semi strutturate, on-premise o nel cloud. L’integrazione fornisce anche un arricchimento costante dei dati Commvault.

I modelli di intelligenza artificiale aggiornati di Lucidworks e le informazioni di utilizzo nella ricerca (segnali) portano a una contestualizzazione più approfondita. I dati ricavati consentono quindi un’esperienza di discovery più semplice e veloce, per ridurre tempi e costi di ricerca o potenziare nuovi casi di uso applicativi.

Le due società, inoltre, stanno lavorando allo sviluppo di nuovi prodotti che utilizzeranno l’intelligenza artificiale per identificare e recuperare dati sensibili, applicare policy e automatizzare i flussi di lavoro che rafforzano normative e processi. I clienti saranno così in grado di colmare eventuali lacune e sfruttare uno strumento unico per discovery e gestione di informazioni e rischi.