Una lepre saltellante e pronta a scattare: la metafora scelta da Google per presentare al mondo il suo nuovo servizio di televisione online basata su fibra ottica non è casuale. La velocità di collegamento promessa da Google Fiber Tv non rappresenta un semplice progresso, ma quasi una rivoluzione: un gigabit  al secondo. Troppi per l’internauta e le necessità comuni, ma utilissimi se si parla di contenuti video in alta risoluzione, oppure di Web da fruire in contesti come aziende, scuole, biblioteche, pronto soccorsi ed enti pubblici.

L'offerta di Google Fiber Tv


L’altra metafora scelta da Mountain View (si veda il video a fondo pagina) è quella di una sorta di autostrada tridimensionale, in cui tutti i tradizionali ostacoli ancora presenti nella broadband odiera – rallentamenti, download messi in coda, streaming poco fluido, instabilità della connessione, eccetera – sono solo un lontano ricordo.

È la concretizzazione di un sogno annunciato da BigG un paio di anni fa, e che sarà battezzato il prossimo autunno dai suoi primi clienti: un quartiere di Kansas City, in Kansas, e un altro nell’omonima città del Missouri. Con un gioco di parole comprensibile agli anglofili, Kevin Lo, general manager di Google Access, ha definito il doppio battesimo come la creazione dei due primi fiberhoods, cioè dei primi quartieri connessi dalla fibra a un gigabit al secondo.

Le due città sono state scelte fra le migliaia offertesi spontaneamente per testare l’innovazione di Google, e sarà interessante stare a vedere, nei prossimi mesi, in quanti e con quale entusiasmo seguiranno l’esempio delle due Kansas City. Per fare richiesta di installazione è necessario raccogliere da 40 a 80 richieste per quartiere e preregistrarsi.

Il tutto, ovviamente, avrà un costo, ma tutto sommato accessibile: 300 dollari per l’installazione e un canone mensile di 70 o 120 dollari, nel primo caso per avere a disposizione il solo collegamento Internet superveloce, e nel secondo per usufruire anche di contenuti televisivi in Full HD attraverso il TV Box, un device da collegare al televisore via Hdmi.

L’offerta Tv rende accessibili tutti i canali del broadcast tradizionale, oltre a centinaia di canali creati da Google, migliaia di programmi on demand e contenuti cinematografici premium. Un tablet di BigG, il Nexus 7 realizzato da Asus, è incluso nel pacchetto e utilizzabile come terminale di controllo ei vari servizi: in altre parole, come un telecomando molto evoluto. Google mette anche a disposizione 1 TB di spazio sulla sua piattaforma di storage, Drive.

In questa fase promozionale, in realtà, chi opta per uno dei due piani mensili (con vincolo di due anni) è esentato dal il pagamento della cifra una tantum, mentre viceversa si può anche scegliere di sborsare i 300 dollari dell’installazione per avere ben sette anni di Internet gratuito a 5 Mbps. Un incentivo per avvicinare al nuovo servizio anche coloro che al momento non ritengono di averne bisogno.