Facebook si appresta a dire addio a Direct, l’app indipendente di messaggistica per chattare con i contatti di Instagram. Come ha notato l’esperto di social media Matt Navarra, nei prossimi mesi il colosso di Menlo Park non supporterà più l’applicazione. “Le tue conversazioni saranno spostate automaticamente su Instagram, non dovrai fare nulla”, si legge nella nota comparsa su Direct. Il servizio di messaggistica istantanea fu lanciato nel 2017 e, inizialmente, era sembrato un tentativo di Facebook di ostacolare la crescente popolarità di Snapchat. Non a caso Direct dipendeva fortemente dalla fotocamera e presentava una serie di filtri e funzionalità del tutto simili a quelle dell’app concorrente.

L’azienda fondata da Evan Spiegel al momento non naviga in acque tranquille, soprattutto dal punto di vista del valore azionario (anche se, all’annuncio di Facebook, il titolo di Snap è schizzato del 7 per cento), e il suo momento di maggior gloria sembra essere passato. Instagram, invece, continua a macinare record e ha ampiamente superato il miliardo di utenti.

A far crescere sensibilmente la popolarità dell’app di photo sharing sono state però anche le Stories, altra funzionalità “ispirata” da Snapchat che per 24 ore permette di condividere foto e video con i propri contatti. Dopodiché, i post vengono eliminati. Evidentemente, quello di Direct è stato un esperimento che, a differenza di Messenger, non ha portato i risultati sperati. Non a caso il servizio era attivo in pochi mercati, fra cui quello italiano.

A marzo Mark Zuckerberg aveva annunciato l’intenzione di abbattere le barriere fra le app di messaggistica di proprietà di Facebook, permettendo agli utenti di utilizzare in modo indifferente i vari servizi (Messenger, Whatsapp e Instagram Direct) per conversare con i propri contatti. In ogni caso, aveva specificato il Ceo, sarà sempre possibile mantenere separati gli account.