Nella scelta di servizi di connettività, le aziende si stanno orientando sempre di più sull’approccio software-defined anche per le loro infrastrutture Wide Area Network, ovvero sull’SD-Wan. E le ragioni del successo sono molteplici. Ce ne parla Gina Nomellini, chief marketing officer di Gtt Communications, un fornitore di servizi di connettività la cui rete Tier-1 conta oltre 600 point-of-presence.

 

 

 

Gina Nomellini, Cmo di Gtt Communications

 

Secondo Gartner, il mercato dei servizi di enterprise data networking nel 2019 arriverà a valere ben 156 miliardi di dollari. Le grandi imprese multinazionali esprimono una domanda sempre più forte di servizi di connettività di rete a causa della crescente adozione di applicazioni cloud-based, dell’esplosione del traffico di dati (file, video, voce, strumenti di collaborazione real-time), e della necessità di supportare le nuove tipologie di data workload generate dalle iniziative digitali più innovative, come l’Internet of Things.

Tra le esigenze più forti c’è quella di assicurare connettività tra le applicazioni aziendali, magari in diversi cloud, e tra le applicazioni e gli utenti – dovunque essi siano e qualunque dispositivo usino –, e tutto questo con livelli di sicurezza, flessibilità, ampiezza di banda e latenza all’altezza dei requisiti di una grande impresa. Per questo Cio e network manager si rivolgono sempre più spesso ai network service provider, chiedendo servizi di gestione delle loro reti private e Wan, e servizi di connettività delle grandi reti globali, con Sla di livello enterprise.

Più precisamente, i Cio e i network manager chiedono forte scalabilità di connessione per ogni sede aziendale, supporto per tutte le tecnologie d’accesso in uso nell’infrastruttura aziendale, rapido provisioning (in ore o giorni, non settimane o mesi) di nuove connessioni e servizi, capacità di raggiungere un end point dovunque sia, trasporto di dati sicuro tra le sedi dell’azienda e i cloud che ospitano i suoi dati e applicazioni. Tutti questi obiettivi, però, vanno ottenuti entro i limiti di budget previsti per infrastrutture It e networking. Per questo i service network provider di tutto il mondo stanno sempre più proponendo nuove architetture di rete, tra cui soprattutto le software-defined Wan (SD-Wan).

I vantaggi delle SD-Wan
Le SD-Wan permettono di modulare velocemente la capacità di banda secondo le necessità, e nel contempo di definire policy per ottimizzare le prestazioni applicative, migliorare la gestione della rete e ridurre l’impatto dei costi dell’hardware. Lo spiega anche Gartner nel suo ultimo “Magic Quadrant for Network Services, Global”, in cui ha inserito GTT Communications indicando proprio la sua offerta di managed services SD-Wan come punto di forza. E in effetti le aziende stanno riscontrando questi benefici, visto che secondo il “Visual Networking Index” di Cisco il traffico generato dalle SD-Wan crescerà del 37% medio annuo che e la sua incidenza sul traffico totale IP delle Wan salirà dal 9% del 2017 al 29% previsto per il 2022.

Secondo studi di Idc, inoltre, tre imprese nordamericane su quattro stanno già valutando, sperimentando o utilizzando le SD-WAN. Il beneficio atteso più diffuso è la flessibilità, sia di ottenere più capacità di banda in tempo praticamente reale, sia di poter usare diverse reti (banda larga, LTE, MPLS, ecc.) per l’application delivery. Seguono la riduzione dei costi di trasporto Wan, l’accelerazione dell’implementazione (provisioning) della Wan, la possibilità di dare un ordine di priorità alle connessioni in funzione del tipo di applicazione o di workload. Più in generale, le SD-Wan aiutano l’impresa ad allineare in modo dinamico strategia di business, application policy e configurazione delle reti.

La risposta a diverse necessità
I principali casi di utilizzo di SD-Wan che riscontriamo sono supportare una strategia “cloud first”; fare da ponte tra i sistemi legacy e le nuove tecnologie cloud; semplificare il supporto per il networking tra un numero crescente di uffici e sedi; garantire sicurezza, affidabilità e conformità; abilitare velocemente l’aggiunta o la rimozione di siti sulle reti durante operazioni di M&A. Questa tecnologia offre un forte supporto alle connessioni tra sedi, e permette di gestire tipi differenti di connessioni, da Vpn privata a Internet di fornitori locali: si tratta di grandi benefici per le aziende con presenza territoriale molto ampia e soggette a opzioni di connettività variabili in base alla geografia, come i retailer.

Per le aziende che stanno adottando servizi cloud, l’SD-Wan si dimostra un utile soluzione a problemi di costi e di performance di rete nell’accesso ad applicazioni nel cloud pubblico. Infine, la capacità delle SD-Wan di utilizzare la selezione dinamica del percorso permette di impostare una connettività diretta con una latenza prevedibile, per aiutare le applicazioni a raggiungere il loro livello ottimale. Questo può contribuire a semplificare la vita alle aziende caratterizzate da sistemi critici e dati “time-sensitive”, come quelle manufatturiere o di logistica.