Prestazioni superiori, capacità fotografiche e intelligenza artificiale di alto livello. Con il nuovo processore Snapdragon 670, appena annunciato da Qualcomm, anche gli smartphone di fascia media potranno ambire a caratteristiche fino a poco tempo fa riservate ai modelli più costosi. Debutterà a bordo di futuri telefoni già nel prossimo autunno, per garantire un incremento di prestazioni del 15% rispetto al suo predecessore Snapdragon 660.

frutto di processo produttivo a 10 nanometri,il nuovo chip impiega una Cpu Kryo 360 octa-core, due dei quali destinati a garnatire “potenza” (con 2,0 GHz di frequenza) e sei finalizzati soprattutto all'efficienza energetica (1,7 GHz). Della grafica si occupa, invece, una Gpu Adreno 615, mentre il modem Snapdragon X12 velocizza la navigazione Web e l'uso delle aplicazioni assicurando velocità di download massime di 600 Mbps e di upload fino a 150 Mbps.

Alla qualità delle fotografie e dei video che scatteremo con i futuri telefoni contribuisce, invece, il processore d'immagine Spectra 250, tra le cui funzioni c'è anche la stabilizzazione delle immagini. Sono supportate fotocamere da un massimo di 25 megapixel se a sensore singolo o 16 Mp se a doppio sensore e la registrazione video in 4K. Qualcomm ha poi scelto di portare su un SoC di fascia media un elemento solitamente riservato ai prodotti di fascia alta, ovvero il Dsp (Digital Signage Processor) Hexagon 685, che offre supporto ad applicazioni e funzionalità di intelligenza artificiale.