La qualità delle fotografie scattate, si sa, è uno dei vanti storici e sempre rimarcati dell’iPhone. Apple, però, ora è costretta ad ammettere che si può fare di meglio e che proprio il suo concorrente per eccellenza, Microsoft, è riuscito a migliorare i risultati della fotocamera del melafonino. L’ha fatto con Microsoft Pix, un’applicazione che ha fatto ieri la sua comparsa su App Store, meritando fin da subito ottime recensioni da chi l’ha testata.

Nata dai laboratori di Microsoft Research, questa novità ha l’ambizione di sostituirsi all’app della fotocamera nativa di iOS. Non si tratta infatti della classica applicazione di editing a posteriori, bensì di un programma che corregge in modo automatico e dinamico le impostazioni di scatto, adattandosi alle circostanze. Il risultato sono immagini più brillanti, definite e bilanciate, che non necessitano di essere modificate intervenendo su contrasto, ombre o saturazione (a meno che non si vogliano ottenere effetti particolari).

Microsoft Pix esegue queste correzioni in modo piuttosto sofisticato, ma senza che l’utente debba preoccuparsi di nulla. Grazie all’intelligenza artificiale incorporata nell’applicazione, questa è in grado di aumentare l’illuminazione di singole parti della scena, distinguendo fra i soggetti in primo piano e lo sfondo, oppure di individuare i volti delle persone per assicurare la messa a fuoco.

 

 

Con lo scatto in sequenza, invece, vengono confrontati i fotogrammi non solo per scegliere quello più riuscito, ma anche per usare elementi delle immagini scartate per migliorare ulteriormente quella selezionata. L’app può anche creare mini-filmati con la funzione Live Image, mentre i video classici beneficiano dello stabilizzatore automatico. Resta possibile modificare liberamente le immagini utilizzando l’editor integrato e tutti i contenuti, foto e video vengono sincronizzati con il Rullino di iOS. Non resta che attendere un’eventuale riedizione di Microsoft Pix per Android e, magari, per Windows Mobile.