Microsoft ha pubblicato il Security Intelligence Report, una fotografia della sicurezza delle reti, in cui figura che a fine 2010 gli attacchi di phishing tramite i social network sono aumentati dell’ 84,5 percento (McAfee, la sicurezza passa anche per Facebook).

Cala, invece, lo spam, che a quanto pare viene ormai riconosciuto e sapientemente evitato dalla maggior parte degli utenti dei social network.

Il phishing tramite social network è sempre più usato dai cyber criminali

A rientrare nel mirino dei cyber criminali sono per lo più i dati personali degli internauti: i tentativi di appropriarsi di queste preziose informazioni sono aumentati del 1.200 percento solo nel 2010. E i terreni di caccia preferiti dagli hacker sono i social network e i giochi online, ossia i luoghi di incontro virtuale in cui gli utenti restano collegati a lungo e c'è un alto numero di vittime facilmente aggirabili.

La pubblicità resta un sistema di adescamento diffuso, ma meno redditizio: solo i più sprovveduti cascano ancora nel tranello del banner che porta a un sito zeppo di virus.

Tag: sicurezza