L’evento era teoricamente dedicato a Windows 10, ma il vero protagonista della presentazione di ieri di Microsoft è stato sicuramente l’hardware. L’azienda ha infatti svelato i Surface Book i7 e i Surface Studio. Nel primo caso si tratta di un convertibile, che rappresenta l’aggiornamento del Surface Book lanciato nel 2015. Ma è il secondo la vera, importante novità di Microsoft: un Pc desktop all in one pensato per il lavoro e per professionisti come designer, grafici e architetti. È la risposta, in sintesi, all’iMac di Apple. Un computer con specifiche tecniche di altissimo livello, che potrà sfruttare al meglio tutte le nuove funzionalità che Redmond introdurrà in Windows 10 durante la prossima primavera.

Vale a dire il Creators Update, tutto incentrato su nuovi strumenti creativi per gli utenti. Applicazioni popolari come Office e lo storico Paint riceveranno, per esempio, funzionalità di manipolazione degli oggetti in 3D. Microsoft integrerà nel proprio sistema operativo anche la piattaforma di gaming Beam, acquisita di recente. E il gruppo ha annunciato che sta lavorando a un’app mobile per acquisire la forma degli oggetti reali e trasportarla poi nel mondo virtuale.

Ma torniamo all’hardware. Il Surface Studio presenta un generoso schermo da 28 pollici con risoluzione 4,5K e tecnologia Pixelsense, che conferisce al pannello ben 13,5 milioni di pixel (4500 x 3000) con profili colore calibrati al massimo per un’ottima resa in ambito professionale. Il display, spesso soltanto 12,5 millimetri, ha inoltre dieci punti di contatto per l’utilizzo in simultanea.

 

Il nuovo Surface Studio alla massima inclinazione

 

La nuova cerniera Zero Gravity permette di inclinare lo schermo fino a 20 gradi e consente così di immergersi praticamente nel computer. All’interno del Surface Studio c’è spazio per processori Intel Core i5 o i7 di sesta generazione, fino a 32 GB di Ram e uno o due terabyte di storage ibrido. La grafica è sostenuta da Gpu Nvidia Geforce Gtx 980m con 4 GB di memoria Gddr5. Completano il quadro ben quattro porte Usb 3.0, una Mini Displayport, slot per microSd, speaker Dolby Audio Premium e una videocamera frontale da 5 megapixel con risoluzione 1080p.

Il Pc è compatibile anche con la tecnologia di riconoscimento facciale Windows Hello e ha due microfoni per facilitare la comunicazione con software come Skype. Sono diversi i gadget tecnologici compatibili con il primo all in one di Microsoft. Oltre alla triade brandizzata Surface Pen, Keyboard e Mouse (tutti inclusi nella confezione), il colosso di Redmond ha presentato anche il Surface Dial.

È un cilindro che vuole superare le classiche funzionalità del mouse. Una volta appoggiato sullo schermo, per esempio, fa comparire a display una serie di opzioni specifiche consentendo ad esempio ai grafici di cambiare colore e dimensioni dei pennelli digitali senza staccare il pennino dal pannello. Microsoft si è assicurata il sostengo di partner come Bluebeam, Drawboard, Mental Canvas, Siemens Plm Software e altri per l’ottimizzazione dei loro applicativi in ottica Surface Dial.

 

L'accessorio Surface Dial per facilitare il lavoro dei creativi

 

Ma l’azienda, per offrire ulteriori possibilità ai clienti, ha svelato anche un mouse “standard” e due nuove tastiere, che potranno sostituire quindi le periferiche già presenti nella confezione del Surface Studio. Il prodotto più interessante è sicuramente la Surface Ergonomic Keyboard: una tastiera con una forma ondulata, divisa in due sezioni ben distinte e con i tasti posizionati con una leggera inclinazione. La protuberanza per appoggiare i polsi è realizzata in alcantara, materiale già utilizzato da Microsoft per la Signature Type Cover opzionale dei Surface Pro.

Infine, ecco fare la sua comparsa sulle scene anche il nuovo Surface Book i7, disponibile in tre varianti dotate di processori Intel Core i7 di sesta generazione e di Gpu Nvidia Geforce Gtx 965m. Il “pacchetto” Performance Base assicura il giusto compromesso tra prestazioni (notevoli) e consumo energetico. Microsoft assicura 16 ore utilizzo continuato, il 30 per cento in più rispetto alla prima generazione di Surface Book.

Per quanto riguarda prezzi e disponibilità sul mercato, gli Studio partiranno da 2.999 dollari e sono già in preordine negli Stati Uniti. Le prime consegne avverranno in quantità limitate nel periodo natalizio, per proseguire in maniera maggiore nel 2017. I Surface Book i7 arriveranno in negozi selezionati in Usa, Canada, Australia e Nuova Zelanda il prossimo 10 novembre a partire da 2.399 dollari.

 

L'aggiornamento dei Surface Book con processori Intel Core i7

 

Stesso timing anche per i Surface Dial, che costerà 99 dollari, e per le varie periferiche aggiuntive presentate da Microsoft in queste ore. Il Surface Mouse partirà da circa 50 dollari, mentre le due tastiere da 100 e 140 dollari (versione ergonomica). Non si sa invece ancora nulla circa un’eventuale disponibilità in Italia di dispositivi e accessori.