Gli strumenti di lavoro “smart”, per la comunicazione e collaborazione 2.0, vanno di moda. Dopo il lancio di Workplace by Facebook, un social network per aziende, è ora la volta di Microsoft: la società di Redmond sta per lanciare un nuovo prodotto, denominato probabilmente Microsoft Teams (in origine, internamente, era identificato come Skype Teams). Come si già si era appreso da alcune indiscrezioni settembrine e da alcune schermate trapelate online, si tratta di una piattaforma di messaggistica e collaborazione rivolta ai gruppi di lavoro e al mondo della scuola.

Microsoft Teams è strutturato su canali accessibili ai gruppi e aree per i messaggi private, e supporta la ricerca dei contenuti tramite hashtag. Sorge immediatamente spontanea la domanda di come questo prodotto si rapporterà con l’offerta di Ucc e social networking già esistente in casa Microsoft, ovvero con Skype, Skype for Business e Yammer. Dalle schermate visionate da The Verge sembra di capire che questo prodotto potrà integrarsi con Skype per le chat, le telefonate e le videochiamate, nonché con Office 365 per l’accesso ai documenti di Word, Excel e PowerPoint. Si coglie, inoltre, una notevole somiglianza con Slack, uno dei servizi più popolari per le conversazioni e la collaborazione fra colleghi.

Evidentemente, nonostante la presenza dei già citati Skype for Business e Yammer, la società ha ritenuto ci fosse spazio per un ulteriore tipo di piattaforma, trasversale alle precedenti. Il nuovo servizio (raggiungibile all’indirizzo teams.microsoft.com) è stato testato per qualche mese dai dipendenti di Microsoft.

 

 

Quasi inutile sottolineare come si tratti di un servizio Web-based, accessibile tramite credenziali in ottica ubiqua; da uno degli screenshot circolati si deduce il supporto ottimizzato per il mobile, elemento anch'esso piuttosto scontato. L’annuncio ufficiale di Microsoft Teams è atteso per il 2 novembre, in occasione di un evento newyorkese dedicato a Office.