Quando si parla di auto da sogno viene automatico pensare alle classiche super-sportive o alle vetture scoperte che sanno dare emozioni senza paragoni. Qualcun altro, più innamorato del passato, pensa alle auto storiche, eleganti e bellissime. Pochi, invece, pensano a un costruttore inglese che la storia dell’auto ha contribuito a farla e che ancora oggi costruisce dei veri e propri gioiellini fatti a mano. Sembrano auto storiche, ma non lo sono: sono delle vere e proprie outsider. Non solo a quattro ruote, ma anche con tre... Messi insieme tutti questi indizi, il nome che rimane è uno solo: Morgan Motor, una tradizione iniziata nel 1909 e non ancora finita.

Le vetture di Morgan sono uniche: moderne nella tecnologia, classiche nell’immagine.


Morgan propone ancora oggi la sua Morgan 4/4, in vendita ininterrottamente dal 1935 anche se ovviamente aggiornata nel telaio e nella meccanica. Quella che una volta era una vettura realizzata sulla base di un telaio di legno è ora passata all’alluminio, pur mantenendo in legno parte della carrozzeria. Il tutto nascosto da morbidi rivestimenti in pelle. L’utilizzo della plastica è ridotto al minimo (anche la plancia è realizzata in legno) e meccanica e motori - forniti da Ford e Bmw - sono moderni.

Nella fabbrica di Malvern, una cinquantina di chilometri a sud di Birmingham, le vetture vengono prodotte artigianalmente, partendo da pezzi di legno lavorati internamente e da parti in alluminio preparate internamente o provenienti da un fornitore partner vicino alla sede. Una procedura produttiva di questo tipo fa sì che ogni vettura sia uno splendido capolavoro, lontano dalla perfezione industriale ma così perfettamente imperfetto grazie alla cura che le maestranze dedicano nel loro lavoro. In un ambiente dove cacciavite, sega e martello sono strumenti preponderanti non vi è praticamente traccia di computer: l’informatica si cela negli uffici di progettazione, dove la dimensione aziendale fa sì che il processo di ideazione e modellazione 3D sia il re incontrastato.

   Avanti

Continua nella lettura: