Quarto operatore mondiale nelle telecomunicazioni e secondo gruppo in Giappone, Ntt è presente con il proprio brand in Europa da oltre vent’anni. Nel tempo, l’attività si è ramificata in numerose direzioni, anche grazie a integrazioni come quella di Dimension Data. Le 31 aziende che fino a ieri costituivano un conglomerato più o meno indipendente di realtà operanti sotto lo stesso cappello proprietario ora andranno a consolidarsi in un’unica entità, battezzata Ntt Limited, con l’intento di creare un fornitore di riferimento per i processi di trasformazione digitale delle aziende e l’obiettivo di farne in pochi anni uno dei venti brand più noti del mondo Ict.

L’impresa presenta qualche asperità, poiché la presenza globale di Ntt resta ramificata in diverse realtà. La neonata entità raccoglie tutto quanto ha a che fare con i servizi infrastrutturali, ma restano separate altre componenti d’offerta, fra le quali spicca quella che si occupa della parte applicativa (Ntt Data). Tuttavia, il consolidamento razionalizza senza dubbio un fronte di attività in precedenza più frastagliato e parte con numeri di assoluto rilievo, visto che si parla di un fatturato di 11 miliardi di dollari a livello globale e di un organico di 40mila persone.

Le competenze di Ntt Limited coprono numerosi settori, che spaziano dalla sicurezza al cloud ibrido, dalla customer experience ai servizi gestiti, per arrivare alle infrastrutture digitali. “Possiamo contare su 15mila clienti su scala mondiale”, sottolinea Emanuele Balistreri, country managing director Ntt Italia. “Oltre ad avere relazioni con 85 aziende delle Fortune 100, possiamo far leva anche su partnership con i principali vendor globali del settore e molti più specializzati in diversi comparti”.

 

 

Emanuele Balistreri, country managing director di Ntt Italia

 

In Europa, il peso di Ntt dovrà crescere, poiché oggi vale complessivamente 2,8 miliardi di euro e occupa circa 7mila persone. Uno dei passi fondamentali per aumentare il peso della presenza è rappresentato dalla fresca apertura di un Client Innovation Center a Bruxelles, centrato sulle attività della ricerca & sviluppo e pensato in chiave soprattutto operativa: “Non si tratta di uno showcase”, puntualizza Roberto Del Corno, senior vice president global business Europe di Ntt Limited, “bensì di uno spazio dove portare clienti con esigenze già chiarite e lavorare con loro nello sviluppo di soluzioni basate sui nostri prototipi e da convertire in un prodotto personalizzato per ogni realtà”. Sei sono le aree di innovazione privilegiate e fra queste c’è Tour De France (abbinamento di strumenti analitici e machine learning per creare insight e previsioni in tempo reale), Hitoe (prototipi di magliette con nanotecnologie e sensori integrati), Kirari! (tecnologia che può riprendere un evento isolando elementi da trasportare e riprodurre tutto in 3D in luoghi remoti) e Las Vegas (soluzioni per smart cities sulla base di quanto fatto appunto nella capitale mondiale del gioco d’azzardo).

La pressione della digital tranformation in Italia
In questo inizio di 2020, Ntt ha presentato anche il proprio report sui trend che caratterizzeranno l’anno appena partito. Edge computing, modalità di lavoro agile, Sd-Wan e sfruttamento di soluzioni as-a-service sono aree che catalizzeranno l’attenzione e gli investimenti, ma in Italia soprattutto emerge la ramificazione del più generale concetto di trasformazione digitale: “La pressione al cambiamento è ormai estesa in ogni ambito”, rileva Del Corno. “Anche chi fin qui ha tentennato si trova costretto a dover partire, magari con progetti piccoli, poi da estendere su scala superiore. Manufacturing e retail sono partiti prima, mentre sanità e Pubblica Amministrazione devono colmare il ritardo. Il nostro lavoro di supporto, in questo contesto, consiste soprattutto nell’offrire la capacità di estrarre dalle infrastrutture i dati e le esperienze utili per sostenere i processi di trasformazione”.

Sul mercato italiano Ntt Limited eredita in modo preponderante la presenza radicata di Dimension Data e fra i passi compiuti di recente per cercare maggior affermazione va registrato anche l’ingresso in Confindustria. “Ci servirà per indirizzare specifiche filiere”, spiega Balistreri, “ma vogliamo approfittare anche di alcuni trend marcati, soprattutto l’interesse crescente verso le soluzioni IaaS, che si estende anche al mondo delle medie aziende”.

 

Roberto Del Corno, Svp global business Europe di Ntt Limited