È capiente, è veloce ed è inoltre economica. La nuova serie di drive a stato solido presentata in queste ore da Intel sembra avere tutte le carte in regola per sfondare. Le unità, ribattezzate Ssd 545s, sono le prima della loro categoria a presentare memorie Nand 3D Tlc (triple level cell) a 64 layer. Pensati per l’utenza consumer, i prodotti possono così offrire una buona quantità di spazio di archiviazione a un prezzo abbastanza contenuto. Il primo modello da 2,5 pollici svelato, vale a dire quello da 512 GB, costerà infatti 180 dollari. L’interfaccia è Sata e il controller è Silicon Motion Sm2259, un’evoluzione dei controller Sm2258 già utilizzati nei modelli 540 di Intel. Un avanzamento di minor peso, anche se dal punto di vista delle funzionalità introduce la protezione dei dati end-to-end con Ecc (error correction code) sia sulla Sram del controller sia sulla Dram esterna.

Secondo quanto dichiarato dal produttore, le velocità di lettura e scrittura sequenziali si attestano sui 550 e 500 MB/s rispettivamente. Le prestazioni random toccano invece i 90mila Iops in scrittura e i 75mila in lettura. Intel garantisce invece valori di Tbw (terabytes written) pari a 288, che equivalgono a 0,3 Dwpb (drive writes per day, scritture dell’unità al giorno).

Al momento è previsto soltanto il taglio da 512 GB, ma a quanto si apprende l’azienda californiana dovrebbe lanciare prossimamente anche altri modelli, partendo dai 128 GB per arrivare fino a 2 TB. Dovrebbe inoltre essere messa in commercio una soluzione con form factor M.2. La garanzia per tutti i prodotti è di cinque anni.