Pc più veloci, sempre connessi e meglio capaci di diventare uno strumento di intelligenza artificiale. È questa la filosofia sintetizzata da Qualcomm nel suo Snapdragon 850, nuovo processore appena presentato e atteso a bordo di futuri computer portaili Windows 10, su cui i dettagli scarseggiano. Dalle dichiarazioni di Alex Katouzian, senior vice president e general manager della divisione mobile di Qualcomm Technologies, sappiamo però che l'azienda californiana è già al lavoro “con realtà come Samsung, e dunque è presumibile che il marchio sudcoreano sia uno tra i primi a impiegare questa nuova piattaforma.

Lo Snapdragon 850 prende le mosse dal precedente modello, con cui condivide la destinazione d'uso, ovvero quella degli “Always Connected Pc”: portatili ultraleggeri, in forma di notebook classici o di convertibili e ibridi tablet/Pc, votati soprattutto all'efficienza energetica e capaci di connettersi tramite modem Lte. “La Snapdragon 850 Mobile Compute Platform”, scrive l'azienda, “è progetta per supportare nei Pc molte delle funzioni più richieste sugli smartphone e per restare connetti tramite Lte o WiFi, consentendo agli utenti di ricervere notifiche e di sincronizzare i propri dati praticamente al momento”.

La nuova piattaforma presenta il medesimo hardware frutto di processo produttivo a 10 nanometri dello Snapdragon 845, modificato però con frequenze e firmware ottimizzati al fine di assicurare migliori prestazioni. Oltre i bassi consumi, il nuovo chip promette incrementi generali di prestazioni del 30% rispetto al precedente Snapdragon 835, un aumento 20% nella velocità del trasferimento dati tramite modem Lte (fino a 1,2 Gbps) e un miglioramento del 20% nell'autonomia energetica. Quest'ultimo dato si traduce, a detta di Qualcomm, nella possibilità di usare il Pc anche per più di una giornata lavorativa prima di doverlo ricollegare all'alimentazione elettrica: si promettono fino a 25 di utilizzo continuo (anche se chiaramente il tempo massimo dipende dalle applicazioni in esecuzione, dalla luminosità di schermo impostata e via dicendo).

Non si trascura nemmeno l'intelligenza artificiale, dato che alcune nuove funzionalità garantiranno “supporto on-device di esperienze di AI” e miglioramenti nella fotocamera, nel supporto vocale e nella durata della batteria. I futuri dispositivi Windows 10 equipaggiati con Snapdragon 850 arriveranno in distribuzione “più avanti nel corso dell'anno”.