Il portafoglio di prodotti di Microsoft per Linux si allarga. Ieri il colosso di Redmond ha dato notizia di una nuova versione Alpha di Skype il sistema operativo open source. Come specificato dall’azienda, si tratta di una release nuova di zecca e basata sulla tecnologia aperta Webrtc. Ovviamente, il client si trova ancora in una primissima fase di sviluppo e non rappresenta una soluzione completa di tutte le funzionalità presenti nelle altre versioni del software. L’obiettivo di Microsoft ora è coinvolgere il più possibile la comunità di tester per ricevere i feedback con cui sviluppare poi miglioramenti e risolvere i numerosi bug presenti. Chi volesse provare Skype for Linux Alpha può scaricare l’applicazione da questa pagina Web.

“Noterete che l’app è molto diversa dal client che utilizzate oggi”, hanno spiegato i responsabili del team di sviluppo del software di messaggistica e Voip. “Per esempio vedrete che abbiamo implementato l’ultima Skype Ui, più veloce e reattiva, con cui è possibile condividere file, foto e video, oltre che inviare una nuova gamma di emoticon”.

Una delle principali limitazioni presenti nella release Alpha dell’applicativo riguarda le chiamate. I tester potranno effettuare telefonare ai contatti che possiedono le ultime versioni di Skype su Windows, Mac, iOs e Android, ma non potranno farle (né riceverle) verso Skype for Linux 4.3.0.37 e release precedenti. Questo perché il software meno recente non è ancora basato sulla tecnologia open Webrtc.

 

Una schermata di Skype for Linux Alpha

 

Ed è proprio questo set di specifiche a essere al centro della seconda novità annunciata di Microsoft, che tocca però questa volta i dispositivi Chromebook e il browser Chrome su Linux. L’azienda statunitense ha infatti rilasciato un’altra versione Alpha di Skype basata su Webrtc per il mondo Google. La tecnologia in questione origina da Ortc (Object Rtc), implementata l’anno scorso da Redmond nel browser Edge, che permette di effettuare chiamate e videochiamate gratuite con Skype senza dover installare l’applicazione o altri plugin. Per utilizzare il software è sufficiente collegarsi a questa pagina.