I nuovi smartphone di Lenovo della gamma Moto X, edizione 2016, si potranno personalizzare aggiungendovi dei moduli esterni, un po’ come fossero dei mattoncini Lego che si agganciano alla costruzione principale. A detta di Venture Beat, il produttore cinese seguirà l’esempio tracciato da Lg con il G5, proponendo modelli di telefono facilmente personalizzabili dall’utente attraverso degli add-on “fisici”, a ciascuno dei quali corrisponde una specifica funzionalità.

Nel caso dell’Lg G5, al momento è previsto un unico add-on (venduto separatamente), cioè un blocco contenente comandi manuali per la fotocamera, da collegare al telefono tramite slot. L’azienda taiwanese ha comunque parlato di “Friends”, al plurale, lasciando intendere il probabile lancio di ulteriori moduli.

La strategia di Lenovo, pur condividendo la medesima idea di fondo, punta sin da subito su una pluralità di “Amps” (l’equivalente dei “Friends”) da collegare allo smartphone attraverso connettori magnetici posti sul retro del dispositivo. Sarebbero già sei gli Amps in lavorazione, secondo le voci di corridoio, e fra questi sono inclusi un modulo che arricchisce la fotocamera con flash esterno e zoom ottico, una batteria aggiuntiva, degli altoparlanti stereo e un mini proiettore.

I rumors e alcune immagini “rubate” pubblicate online contengono qualche dettaglio in più, suggerendo che Lenovo opterà per una scocca totalmente metallica per due modelli, Vertex e Vector Thin. Ci sarà, inoltre, un lettore di impronte digitali (posto nella cornice alla base del telefono) e forse uno schermo di tipo Amoled ai cui quattro angoli sono occupati da sensori (un indizio di possibile “active display”). Sul retro di uno dei due modelli si osservano le “piastrine” magnetiche utili per l’aggancio dei moduli esterni.

 

 

La personalizzazione con il logo Droid lascia intendere che questi modelli saranno commercializzati da Verizon. Quanto ai tempi di lancio sul mercato, le indiscrezioni scommettono sull’estate. Ne sapremo qualcosa in più il prossimo 9 giugno, con le prenotazioni ufficiali attese sul palco del Lenovo Tech World di San Francisco. Nella medesima occasione dovrebbe essere descritto anche il primo risultato dell’affiliazione a Project Tango, l’iniziativa di computer vision applicata agli smartphone promossa da Google.