Sophos tira acqua al mulino di Microsoft in ambito aziendale e mobile. Sophos Mobile Control, applicazione di sicurezza e gestione remota per smatphone e tablet, è stata estesa anche ai modelli equipaggiati con il sistema operativo made in Redmond, o meglio con la versione 8 di Windows Phone. L’applicazione consente di gestire e monitorare il parco dei dispositivi in dotazione ai dipendenti, tanto di quelli di proprietà dell’azienda, quanto di quelli personali utilizzati in ottica Bring your own device.

Una schermata dell'applicazione


Già supportato, nelle precedenti release, dai terminali iOS e Android, Sophos Mobile Control 3.5 presenta alcune novità che migliorano le sue funzioni di device management utili agli ammministratori e ai responsabili IT (ma con possibilità di registrazione e implementazione self service per gli utenti). Fra queste, un menu aggiornato, un nuovo dashboard e workflow migliorati, elementi che consentono di semplificare il processo di amministrazione.

Sophos Mobile Control 3.5 è disponibile sia in versione on-premise sia in modalità Software-as-a-service. Per quest’ultima, la release 3.5 garantisce una migliore integrazione nell'infrastruttura IT aziendale, tramite due elementi: la nuova possibilità di connessione via Proxy Exchange ActiveSync (EAS) in remoto, che consente alle aziende di impedire ai dispositivi non conformi di ricevere email, e il supporto in remoto di LDAP per connettersi facilmente ad Active Directory.

Presentando questa nuova versione del software (i costi, calcolati su base utente, dipendono dai singoli servizi richiesti dal cliente), Sophos ha colto l’occasione per ricordare come attualmente il 96% delle imprese abbia dipendenti che utilizzano sia i dispositivi aziendali sia quelli personali a scopo professionale.

Tale commistione, tipica del Byod, e l’ascesa del malware mobile impongono l’utilizzo di strumenti di gestione che permettano di mettere in sicurezza i dati aziendali, per esempio limitando l’accesso ad archivi o server o cancellando i file contenuti su un dispositivo andato perso o rubato. Inoltre, l’applicazione client fornisce accesso agli status di conformità, ai messaggi e alle informazioni di supporto, garantendo così una reportistica completa e fornendo al reparto IT una visione d’insieme del parco dispositivi.

“Abbiamo messo a punto la nostra soluzione in modo da renderla semplice ed efficiente già dal primo utilizzo”, commenta John Shaw, vice president Product management di Sophos, “e come risultato abbiamo ottenuto una crescita del 400% nel corso dello scorso anno. Oggi contiamo 2,5 milioni di utenti protetti da Sophos Mobile Control”.