Prima c’era il magazzino ma non il tablet. Adesso il tablet, quello vero, c’è e Olivetti può giocarsi le proprie carte con maggiore efficacia nel mondo business forte anche di quell’Application warehouse, un app store un po’ particolare, con il quale da subito ha cercato di caratterizzare la sua presenza nel mondo delle tavolette.
Carla Nisio, responsabile marketing new devices applications Olivetti, spiega infatti che se è vero che l’Application warehouse è stato presentato un anno fa a Smau, è soprattutto con il lancio del nuovo Olipad 110 che la società può spingere l’acceleratore nel mondo business. Due i modelli che caratterizzano la rinnovata proposta della società di Ivrea. Il primo è per l’appunto l’Olipad 110 da 449 euro con display da 10 pollici, mentre il secondo, Olipad Smart, di pollici ne ha 7 e costa 299 euro.

Sistema operativo Android Honeycomb, processore Nvidia Tegra 2 Dual Core Arm Cortex A9, Ram da 1 Gb e memoria di massa da 16 GB, con supporto per memory card fino a 32 Gb sono le caratteristiche principali del modello a 10 pollici che possiede connettività Bluetooth, Wifi e 3G e il Gps e la doppia fotocamera. L’Olipad Smart monta invece Android Froyo oltre a un processore da 1GHz Arm Ti Omap Cortex A8, Ram da 512 Mb e storage da 8 Gb con supporto per memory card fino a 32 Gb, porte MicroUsb e MicroSd.

Se il primo modello dell’Olipad serviva soprattutto per marcare una posizione nel nuovo mercato che si stava delineando è con il 110 che la società di proprietà di Telecom vuole farsi largo con decisione. Nomi non se ne possono ancora fare, ma è stato praticamente chiuso un accordo con un’importante realtà che ha deciso di adottare i nuovi tablet di Ivrea, mentre in precedenza qualche centinaio di macchine del modello precedente sono state adottate da un utility.

“I tablet – spiega Nisio – sono utilizzati dalla rete di agenti: questi compilano i contratti su un modulo cartaceo con una speciale penna in grado di inviare, via Bluetooth, gli stessi dati al tablet che li trasmette in azienda per l’attivazione immediata del contratto”. 

   Avanti

Continua nella lettura: