L'UE si appresta a presentare formalmente accuse antitrust nei confronti di Amazon relativamente al trattamento dei venditori sulla sua piattaforma. Lo riporta il Wall Street Journal (WSJ) citando alcune fonti, secondo le quali le accuse potrebbero essere presentate all'inizio della prossima settimana o in quella successiva.

Secondo il WSJ, le accuse formali da parte della Commissione Europea arrivano dopo un’indagine che è durata quasi due anni e che riguarda Amazon nel duplice ruolo di market place e venditore dei propri prodotti. Il colosso dell’e-commerce è infatti accusato di raccogliere dati sui venditori che utilizzano la sua piattaforma e di sfruttare tali informazioni per mettersi in competizione con loro, per esempio lanciando prodotti simili e magari a prezzi più convenienti.

Se l’accusa dovesse concretizzarsi, spiega il Wall Street Journal, ci vorrà comunque un anno prima che la Commissione decida se Amazon ha violato o meno le leggi antitrust. Nel caso si arrivasse all'accertamento della violazione, l’azienda potrebbe pagare una sanzione fino al 10% del fatturato annuo ed essere “costretta” a cambiare il modo in cui opera.