Windows 10 passa alla build 16299.64 con il nuovo Patch Tuesday rilasciato ieri da Microsoft. L’appuntamento mensile con gli aggiornamenti di Redmond porta con sé la risoluzione di diversi bug, ma nessuna nuova funzionalità degna di nota. Il Fall Creators Update è infatti uscito a ottobre e per la prossima piccola “rivoluzione” di Windows 10 si dovrà aspettare la primavera del 2018, con l’arrivo del pacchetto noto con il nome in codice Redstone 4. L’aggiornamento Kb4048955 di martedì è comunque il primo pensato anche per il Fall Creators Update e, fra le altre cose, corregge un difetto di avvio del Mixed Reality Portal, abilita nuovamente i tasti funzione delle tastiere della linea Microsoft Designer e introduce nuovi elementi di sicurezza ai seguenti servizi e applicazioni: Scripting Engine, Edge, Graphics Component, Windows kernel, Internet Explorer e Windows Media Player.

Trattamento analogo anche per le versioni precedenti dell’ecosistema di Redmond e per la versione mobile: con l’aggiornamento i sempre più rari possessori di smartphone Windows potranno passare alla build 15254.12, che contiene tutti i miglioramenti dell’upgrade Kb4048954. Anche in questo caso, come il vendor si è preoccupato di sottolineare, non vengono distribuite nuove funzionalità ma soltanto bug fix e avanzamenti in termini di sicurezza.

Per Windows 7, Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 sono infine disponibili i pacchetti Kb4048958, Kb4048960 e Kb4048961. Come detto, Redstone 4 arriverà l’anno prossimo: tra la fine di ottobre e i primi giorni di novembre Microsoft ha rilasciato la prima build della nuova versione di Windows 10 (17025) anche nel canale lento del programma Insider, per poi pubblicare anche il file immagine Iso corrispondente. I dettagli sulle principali novità introdotte da Redstone 4 dovrebbero emergere nel corso delle prossime settimane.