Il 5G FWA, acronimo di Fixed Wireless Access, ha un futuro luminoso ed è destinata a crescere rapidamente già nel breve periodo. Così pronostica uno studio di Juniper Research: questa tecnologia, che permette di usare le onde radio anziché le reti cablate per offrire accesso in banda larga, genererà quest’anno un valore di 515 milioni di dollari per i fornitori di servizi di telecomunicazione, per poi balzare fino a 2,5 miliardi di dollari di ricavi nel 2023. Ma l’impennata la vedremo negli anni successivi, se sarà accurata la previsione di Juniper Research che quantifica in 24 miliardi di dollari i ricavi del 2027.

Una crescita impressionante che, secondo gli analisti, farà leva sulle caratteristiche più vantaggiose del 5G come la bassissima latenza e la capacità di supportare un copioso traffico dati. Queste peculiarità, come noto, distinguono il 5G dal 4G al punto da abilitare una pletora di applicazioni che la tecnologia di precedente generazione è incapace di supportare.

Nel calcolo del giro d’affari del 5G FWA sono inclusi i servizi che forniscono connettività Internet veloce tramite CPE (Customer Premises Equipment) abilitati alle reti cellulari, per utilizzi che coprono l’accesso in banda larga e le reti Internet of Things. A detta degli analisti, sul totale dei profitti degli operatori ben il 96% deriverà dalla vendita di servizi all'utenza consumer.

Juniper Research, tuttavia, invita gli operatori inseguire tutte le opportunità di monetizzazione e consiglia, in particolare, di proporre servizi 5G FWA in bundle con altri servizi, come lo streaming video, il gaming e le applicazioni di domotica. Solo così potranno offrire esperienze “ricche” e ottenere un vantaggio competitivo su tecnologie attualmente dominanti come l’Fttp (Fibre to the Property).