Le soluzioni cloud stanno crescendo su tutti i fronti, spinti fa una fortissima domanda da parte del mercato, generando grandissime opportunità, al punto che gli analisti arrivano a stimare che dell’ammontare dell’IT spending delle aziende, fino al 15% è stato ormai destinato al cloud. Progetti che gran parte passano da AWS e dal proprio ecosistema dei partner i quali hanno avuto un bel da fare sia durante la pandemia, sia dopo.

L’accelerazione dei progetti cloud in concomitanza della pandemia è innegabile – dichiara Vittorio Sanvito, head of EMEA partner organization di Amazon Web Services -. Analisi interne ci hanno, infatti, confermato che il numero dei progetti cloud che i clienti avevano in programma di fare prima della pandemia è stato accelerato di una media di circa due anni e mezzo. Sempre la nostra survey, che ha coinvolto oltre 10.000 decision maker, ha rilevato che fino a due anni fa il 46% dei clienti non era pronto ad affrontare una situazione come quella del covid perché sprovvisti di un’infrastruttura adeguata, mentre oggi sono ben oltre i due terzi del totale a disporre di un’infrastruttura più agile, indice che almeno il 40% di questi hanno effettuato la migrazione verso il cloud proprio durante il periodo del covid”.

Vittorio Sanvito, head of EMEA partner organization di Amazon Web Services

 

È il canale la forza di AWS per la migrazione al cloud delle aziende italiane

Un risultato reso possibile grazie al coinvolgimento dei partner dell’organizzazione APN (AWS Partner Network), i quali stanno assumendo un ruolo sempre più centrale nella strategia di AWS, la quale ha un rapporto consolidato con il proprio canale, creato dieci anni fa proprio per permettere ai clienti di poter lavorare con il partner più adatto, che sappia interpretare le loro esigenze specifiche.

"Si tratta di un'organizzazione che ha l’obiettivo di aiutare i nostri partner a sviluppare soluzioni innovative e a portarle sul mercato – dettaglia Sanvito -, che vede AWS e l’intera comunità di partner insieme per operare in sinergia. Una forza che conta a livello mondiale oltre 100.000 partner sparsi in 150 country”.

APN e Marketplace, le due squadre variegate di AWS per andare sul mercato

AWS lavora insieme ai propri partner all’interno del gruppo APO (AWS Partner Organization) che si concentra prevalentemente su due fronti: la già citata APN, che rappresenta la comunità di partner che sviluppa soluzioni e le propone sul mercato e, dall’altro lato, l’AWS Marketplace, che consiste in un catalogo digitale delle soluzioni dei partner sviluppate sulla piattaforma AWS.

Si tratta di un ecosistema di partner che in questi anni ha subito delle evoluzioni. Inizialmente, infatti, era composto da due tipologie di partner, gli ISV internazionali e locali e i consulting partner.

 

Il programma si è poi evoluto aggiungendo via via i system integrator, i distributori, e i service provider, un arricchimento supportato progressivamente dalle varie iniziative e servizi che vengono erogati ai partner sulla base delle loro caratteristiche per aiutarli a lavorare al meglio con AWS: dal supporto ai partner certificati per la migrazione al cloud per mercati verticali, al programma per gli MSP, al Service Delivery che abilita i partner a costruire soluzioni sui servizi AWS.

La pacchetizzazione rende l'offerta AWS adatta per tutte le aziende

Partner che sono in grado di coprire un po’ tutte le dimensioni aziendali, essendo fortemente focalizzati sulla risoluzione delle diverse esigenze dei clienti. Un approccio ulteriormente facilitato con la creazione di soluzioni pacchettizzate, come per esempio il backup as a service, oppure accedendo all’ampia offerta (oltre 12.000 soluzioni) presente nei marketplace dei distributori, riuscendo a essere fruibili anche da aziende di piccole e medie dimensioni.

Centrale nella creazione di competenze che siano allineate alle esigenze reali del mercato è la formazione dei partner, certamente tecnica, di business ma anche culturale.

Da parte nostra cerchiamo di fornire competenze ai nostri partner in modo da renderli in grado a loro volta di trasferire competenze utili ai loro clienti” osserva Sanvito, che prosegue: “Il risultato è una crescita trasversale un po’ su tutti i servizi che offriamo, a partire dai servizi base della migrazione verso il cloud, un passo importante da cui poi può partire il processo di modernizzazione dei clienti. Ma in crescita sono anche gli altri servizi più classici, dal data base allo storage, i quali stanno andando verso una importante trasformazione che non può trascurare la gestione del dato, fino ad altri servizi quali l’Iot, il machine learning, l’artificial intelligence e il serverless, anch’essi in forte crescita”.

Un ecosistema in crescita e organizzato a livelli

Intanto, l’ecosistema dei partner continua a crescere. APN è infatti un programma aperto e i partner possono registrarsi continuamente e in autonomia. A livello globale ogni giorno se ne aggiungono una cinquantina.

L’organizzazione APN categorizza i partner in diversi livelli, a partire dai Registered, per poi passare ai Partner Select, Partner Advanced e Partner Premier, una categorizzazione che si basa prevalentemente sulle competenze acquisite.

Il programma APN prevede un portale dedicato all’interno del quale i partner possono trovare tutte le informazioni utili per il proprio lavoro, i fondi di co-marketing, il supporto diretto delle persone AWS, la partecipazione ad eventi, formazione e certificazione.