Il Bluetooth 5 è realtà. Dopo la presentazione in anteprima dello scorso giugno, lo Special Interest Group (Sig) ha deciso di adottare ufficialmente il nuovo standard e le sue specifiche, che faranno la comparsa nei primi dispositivi già a partire dalla prima metà del 2017. I principali miglioramenti della tecnologia rispetto alla versione precedente riguardano soprattutto la velocità di trasmissione, la distanza raggiunta e la quantità di dati trasferibili. Il gruppo di lavoro che approva le specifiche Bluetooth ha spiegato che, ora, con la nuova release si potranno copiare dati a una distanza quattro volte maggiore e a una velocità doppia rispetto al passato. Senza contare la quantità di informazioni, che sarà otto volte superiore rispetto allo standard 4.2 oggi in circolazione.

Un lavoro portato avanti soprattutto con un obiettivo bene in mente, vale a dire riuscire a connettere in modo soddisfacente i numerosi dispositivi che, sempre più, popolano le nostre case. Ma anche le aziende e gli impianti produttivi, in un’ottica puramente Internet of Things. Senza contare i device indossabili, come gli smartwatch, che oggi scontano una connessione per nulla ottimale con il cellulare a cui vengono abbinati.

Il Sig ha spiegato inoltre che Bluetooth 5 permetterà consentirà un’interoperabilità e una coesistenza migliore con altre tecnologie wireless, riducendo anche le interferenze sui canali utilizzati. “Bluetooth abilita tutto questo mantenendo sempre il proprio ridotto impatto energetico e la flessibilità necessaria affinché gli sviluppatori lo integrino nelle proprie applicazioni”, ha spiegato il gruppo in una nota stampa.