Di questi tempi, un posto di lavoro, soprattutto se a tempo indeterminato, è merce rara e preziosa. Quando si presenta l’occasione, spesso arrivano alle aziende grandi quantità di curriculum e i selezionatori devono perdere molto tempo per capire quali poterebbero i candidati migliori per la posizione aperta.

A supportare il lavoro degli addetti alle risorse umane, viene ora in soccorso l’intelligenza artificiale. Citel Group, infatti, ha messo sul mercato DigitaHr, un chatbot, sempre attivo in qualsiasi momento della giornata, che, grazie all’implementazione di algoritmi di machine learning e alla capacità di interpretare il linguaggio naturale, interagisce con i candidati e ne orienta le azioni da compiere per allineare le proprie attitudini con le esigenze di chi sta cercando determinate competenze professionali.

Il servizio si occupa di analizzare in prima battuta le domande pervenute e poi effettua una prima selezione. Attraverso un algoritmo di scoring delle competenze e dei requisiti, supportato dalla piattaforma di Ai di Citel Group, viene assegnato un punteggio per ogni competenza richiesta o caratteristica del candidato. La somma ponderata di tutte le informazioni, raccolte dal chatbot e immagazzinate in un database dedicato, permette la classificazione di tutte le candidature, facendo guadagnare tempo e migliorando la qualità del processo di screening.

DigitaHr, inoltre, può essere utilizzato dai direttori delle risorse umane delle aziende come strumento di comunicazione con il dipendente, ad esempio per informazioni di chiusura e apertura aziendale o richieste di ferie e permessi.

Lo strumento viene reso disponibile sul mercato dopo aver vinto il premio Innovazione Smau 2019 ed è stato sviluppato dalla società napoletana Citel Group, nata come system integrator circa vent’anni fa e oggi forte di un fatturato da 10 milioni di euro e sedi in alcune città d’Italia e in Brasile. Negli ultimi anni, l’azienda ha sviluppato competenze nel campo dell’intelligenza artificiale, per creare soluzioni destinate a supportare la trasformazione digitale di aziende medio-grandi sia del settore privato che della Pubblica Amministrazione.

Valerio D'Angelo, Ceo di Citel Group