I parametri ambientali si misurano più facilmente (anche via smartphone) con il nuovo sensore di Omron. L’azienda ha presentato 2jcie-Bl01, componente integrabile nei sistemi IoT autonomi e in grado di analizzare sette valori differenti: temperatura, umidità, luce, Uvi (ultra violet index), pressione barometrica, rumore e accelerazione. Il sensore dispone inoltre di una memoria interna per la registrazione dei dati. Il modulo, pensato per interni ed esterni, si presta quindi a diventare un valido alleato delle aziende che vogliono monitorare i parametri ambientali dei propri spazi industriali e uffici, in modo da rendere così più confortevole l’ambiente di lavoro. Per leggere in tempo reale le informazioni rilevate dal 2jcie-Bl01 è sufficiente aprire l’applicazione dedicata, disponibile per Android, iOs e Windows.

I progettisti possono collegarsi alla soluzione di Omron via Bluetooth Low Energy (con portata di 10 metri) e scaricare così i dati. Il modulo ha un consumo energetico ridotto e può essere alimentato con una batteria al litio da 3 volt per una durata di circa sei mesi, in base ovviamente all'intervallo di misura impostato. Il nuovo sensore ambientale è configurabile anche via cloud e non richiede hardware aggiuntivo. Per informare l'utente di eventuali letture anomale possono essere impostati dei valori di soglia personalizzati.

Certificato per tutte le normative e le direttive richieste in Unione Europea, Stati Uniti e Giappone, il 2jcie è omologato dalla Federal Communications Commission (Fcc) e marcato Ce. Grazie a un ingombro di soli 46 x 39 x 15 mm e a 16 grammi di peso, il modulo può essere incorporato praticamente in qualsiasi sistema IoT. La soluzione prevede una temperatura di esercizio compresa tra meno 10 e più 60 gradi Celsius.